Venerdì 21 Settembre 2018
Giovedì convegno all'abbazia di Casalvecchio su biblioteca e segreti della valle


Lions Club Letojanni-Val d’Agrò, nuovo presidente nel solstizio d'estate

20/06/2018 | ATTUALITÀ

1196 Lettori unici

Francesca Celi: subentrerà ad Anna Bene

Passaggio di campana al Lions Club Letojanni-Valle d’Agrò. Giovedì 21 giugno 2018, alle ore 17.30, la presidente uscente Anna Bene lascerà il posto alla presidente incoming Francesca Celi, nel corso della quarta edizione del convegno “Miti, Poeti, Sogni,Pittori e Santi nella Vallle d’Agrò, la Riscoperta del Genius Loci nel Solstizio d’Estate”, che si terrà nell’abbazia dei Santi Pietro e Paolo di Casalvecchio Siculo. L’evento è organizzato in collaborazione con il Comune di Casalvecchio e Archeoclub Area Jonica Messina. Il tradizionale appuntamento avrà come tema centrale gli importanti sviluppi sulla ricostruzione dell’antica biblioteca dell’abbazia. Lo scorso anno, in occasione del solstizio, era stato assunto l’impegno di riportare in digitale i manoscritti medievali realizzati da monaci agrillini e poi finiti alla biblioteca dell’Escorial di Madrid. I testi, in realtà, sono stati acquisiti in pochi mesi e ora si lavora su due fronti: lo studio degli stessi e la realizzazione di uno spazio espositivo che ne consenta l’adeguata fruizione. E durante il solstizio proprio lo studio dei testi sarà oggetto di attenta analisi, grazie all’intervento del monaco ortodosso padre Alessio Mandanikiotis (“…e lo Scriptorium Riprende Vita: Dialogo sui Nove Manoscritti Medioevali dell’Escorial”, il titolo del suo intervento). Padre Alessio, in questi mesi ha studiato i testi nel suo Eremo della Candelora a Santa Lucia del Mela e giovedì darà un contributo determinante alla comprensione dell’immenso patrimonio di questi testi, primo fra tutti il Vangelo e le sue preziose miniature, ma anche la vite dei santi descritte nei volumi, le catechesi ed i “consigli” di San Giovanni Climaco con i suoi trenta scalini per raggiungere il paradiso. L’intervento di padre Alessio costituirà il punto terminale di un percorso che passerà da… strade romane e gallerie “particolari” secondo un ideale tracciato trasversale alla Valle d’Agrò che va dalla galleria di Postoleone e monte Sant’Elia. “La Galleria di Postoleone: Memoria di Pietra, di Prigionia e di Solidarietà”, sarà invece l’argomento che verrà dal presidente Archeoclub Area Ionica Messina, Filippo Brianni, che racconterà, basandosi sugli studi di Carmelo Smiroldo, quel breve ma intenso tracciato nella pietra scavato dai prigionieri austriaci della prima guerra mondiale sulla strada Letojanni-Roccafiorita, al confine tra i comuni di Letojanni, Gallodoro e Mongiuffi Melia.

Come l’anno scorso, verrà “ricostruito con la luce” il ponte romano, probabilmente parte dell’antica via Consolare o alla Via Regia dei Normanni, sepolto in  un tratto di alveo del torrente Agrò, come sostengono molti studiosi locali, anche sulla scorta di informazioni ottenute direttamente dalle maestranze che realizzarono le briglie nel torrente nel secolo scorso. Un rito di luce propiziatorio nella notte del solstizio, difatti è proprio sulla ricerca di questo ”segno”, dell’antico tracciato viario che taglia trasversalmente la valle che si basa la seconda relazione,” la Ricerca dell’Antica Via tra la Vallis Aurea ed il Vicum Agrillae: percorso di Miti e di Meraviglia” tenuta da Santino Mastroeni, Francesco Nicita, Filippo Brianni e Ketty Tamà. L’idea è quella di proporne lo studio, la ricerca e la promozione turistica, considerando soprattutto le infinite meraviglie che lungo questo tracciato di trovano: dalla piana di Margi, agli scavi di Scifi, fino a risalire verso Casalvecchio Siculo e Monte S. Elia, passando ovviamente per la Basilica dei SS. Pietro e Paolo d’Agrò. Meraviglie costituite non solo da permanenze del passato, ma anche da leggende e miti strettamente connessi alla cultura delle popolazioni che hanno abitato la vallata dai greci in poi. Previsti anche riconoscimenti e annunci di imminenti iniziative che riguardano soprattutto la fruizione dei testi provenienti dall’Escorial.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.