Lunedì 23 Maggio 2022
Il Tar non ha accolto la richiesta di sospendere gli atti della procedura


Limina, concorso regolare per assumere un dipendente: respinto il ricorso del secondo

di Andrea Rifatto | 23/09/2020 | ATTUALITÀ

1694 Lettori unici

Il municipio di Limina

Il Tar di Catania ha confermato la regolarità del concorso bandito un anno fa dal Comune di Limina per l’assunzione di un’unità di personale categoria B3, a tempo pieno e indeterminato (esecutore tecnico), destinata all’Area Tecnica con mansioni anche di autista. I giudici hanno infatti respinto il ricorso cautelare presentato da uno dei partecipanti, Filippo Ragusa, giunto secondo, contro il Comune e il primo classificato, Mario Saglimbeni, con il quale veniva chiesto l’annullamento, previa sospensione dell’efficacia, di tutti gli atti del concorso e della determina di presa d’atto della graduatoria definitiva del concorso, siglata il 2 marzo dall’Ente. Secondo il ricorrente vi erano state anomalie nella procedura concorsuale pubblica, a cui hanno partecipato nove candidati, in particolare relativamente ad alcuni documenti integrati successivamente da Saglimbeni, giunto in testa con 52,05 punti, e da un altro partecipante. Il Tar con un’ordinanza ha però rigettato il ricorso cautelare di Ragusa, secondo in graduatoria con 49,80 punti, negando la sospensione dei provvedimenti amministrativi, “apparendo infondate le censure in esso articolate - scrivono i giudici nel provvedimento - ivi comprese quelle relative alla presunta violazione del divieto di soccorso istruttorio, essendosi trattato nella fattispecie di una mera regolarizzazione della domanda di partecipazione alla procedura selettiva”. Filippo Ragusa è stato difeso al Tar dall’avvocato Maria Claudia Giordano, Mario Saglimbeni dall’avvocato Aldo Tigano mentre il Comune di Limina non si è costituito in giudizio. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.