Lunedì 23 Maggio 2022
Interventi finanziati dalla Regione per creare una nuova struttura di emergenza


Limina, appaltato il recupero di tre vecchi ruderi: nascerà un centro di Protezione civile

di Andrea Rifatto | 06/07/2020 | ATTUALITÀ

1363 Lettori unici

Il centro storico di Limina

Vecchi immobili del centro storico recuperati e destinati a finalità di Protezione civile. È quanto accadrà nei prossimi mesi a Limina grazie ad un finanziamento concesso nel 2018 dall’Assessorato regionale delle Infrastrutture e della Mobilità, che ha assegnato alla municipalità collinare della Val d’Agrò un contributo da 547mila 251 euro per i lavori di “Recupero e ristrutturazione del centro storico da adibire a struttura strategica a servizio della protezione civile”, intervento inserito nel Patto per il Sud dalla Giunta regionale nell'intervento strategico “Interventi di recupero e rifunzionalizzazione finalizzati al miglioramento della qualità della vita ed allo sviluppo sostenibile dei comuni della Regione Sicilia” e coperto con le risorse del Fondo Sviluppo e Coesione 2014-2020. Il progetto esecutivo, redatto dall’ingegnere Giovanni Miceli, professionista esterno incaricato dall’Amministrazione comunale, prevede una spesa di 352mila 957 euro per lavori e 194mila 294 per somme a disposizione e adesso, al termine delle procedure, i lavori sono stati affidati all’impresa “Scm Srl” di Favara, che ha offerto un ribasso del 10,48% per l’importo di 317.158 euro oltre oneri di sicurezza pari a 11mila 363 euro, per un totale di 328mila521 euro. Responsabile unico del procedimento è l’arch. Domenico Costa dell’Ufficio tecnico comunale. Grazie ai fondi saranno demoliti e ricostruiti tre immobili comunali situati nel centro storico, in via Domenico Cirillo, ormai in stato di abbandono e degrado e già oggetto di ordinanze comunali di sgombero e messa in sicurezza, che verranno destinati alle attività legate al Centro operativo comunale di protezione civile e a sede della struttura destinata ai volontari. Un’importante occasione per eliminare il degrado in alcune parti del paese e avere allo stesso tempo avere a disposizione una struttura di emergenza pronta ad attivarsi in caso di necessità, considerata anche la notevole distanza dai principali presidi di soccorso pubblico.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.