Lunedì 18 Gennaio 2021
Sostituirà il sindaco per redigere l’aggiornamento dello strumento da inviare al Consiglio


Letojanni. Comune in ritardo sul Prg, la Regione invia un commissario

di Andrea Rifatto | 14/05/2016 | ATTUALITÀ

2021 Lettori unici

Il municipio di Letojanni

Sarà un commissario ad acta inviato dalla Regione a predisporre gli atti per la revisione del Piano regolatore generale di Letojanni. L’assessore regionale al Territorio e Ambiente, Maurizio Croce, ha infatti nominato il 14 aprile scorso il funzionario Mario Megna come commissario presso l’ente letojannese affinché provveda, previa verifica degli atti e in sostituzione del sindaco Alessandro Costa, alla definizione di tutti gli adempimenti necessari alla trasmissione della documentazione al Consiglio comunale affinché quest’ultimo organo deliberi sull’adozione del Prg e del Regolamento edilizio. Il provvedimento si è reso necessario in quanto il Comune ha accumulato ritardi nell’avvio dell’iter per la predisposizione del nuovo strumento di pianificazione urbanistica del territorio. La prima diffida era arrivata l’11 luglio 2014, quando l’assessorato Territorio e Ambiente aveva sollecitato con una nota il primo cittadino letojannese ad adottare i provvedimenti di propria competenza, finalizzati alla redazione e trasmissione al Civico consesso degli atti relativi alla redazione dello strumento urbanistico e del collegato Regolamento edilizio. Il 14 ottobre dello stesso anno la Regione aveva poi disposto un intervento ispettivo per accertare se gli adempimenti comunali di cui aveva chiesto notizie in precedenza fossero stati attuati. Il 2 e l’11 febbraio di quest’anno il funzionario ispettore ha stilato due rapporti con i quali ha comunicato all’assessorato il perdurare della situazione di stallo e quindi la presenza dei presupposti per intervenire in via sostitutiva con una nomina commissariale, in quanto non è stato posto in essere nessun atto riguardante la procedura per la revisione del Piano regolatore.

L’assessore Croce, vista l’assenza di validi elementi che possano condurre al differimento dei termini dell’intervento e non essendo venuti meni i motivi che hanno portato alla diffida, ha dunque nominato il funzionario Mario Megna, già insediatosi a Letojanni, come commissario ad acta affinché attivi l’iter. L’intervento sostitutivo si estenderà anche al Consiglio comunale nel caso in cui l’organo assembleare non assumerà determinazioni in merito entro 45 giorni dalla trasmissione della proposta di deliberazione da parte del commissario o nel caso di dichiarata incompatibilità della maggioranza dei consiglieri. L’intervento sostitutivo avrà la durata di tre mesi, prorogabili a dodici, e sarà a carico del bilancio del Comune.

Più informazioni: piano regolatore letojanni  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.