Mercoledì 01 Dicembre 2021
Degrado, incuria e soldi sprecati. La litoranea Bandiera blu merita più attenzione


La lenta agonia del lungomare di Santa Teresa: oggi è il più brutto della riviera - FOTO

di Andrea Rifatto | 19/04/2021 | ATTUALITÀ

2932 Lettori unici

Vegetazione assente, aiuole rotte e asfalto sconnesso

Sulla carta dovrebbe essere il più bello della riviera jonica, visto che da quattro anni viene insignito del riconoscimento Bandiera blu, ma nella realtà è in fondo alla classifica delle litoranee e oggi è il più brutto del comprensorio. Il lungomare Giovanni Falcone-Paolo Borsellino di Santa Teresa di Riva è in stato di agonia e se non si interverrà al più presto per eliminare il degrado sempre più crescente si correrà il rischio di arrivare alla stagione estiva e offrire anche ai vacanzieri uno spettacolo pessimo e desolante, come quello che ogni giorno è sotto gli occhi dei residenti. Di opere di manutenzione non se ne vedono da tempo ma manca soprattutto una chiara visione di quale aspetto dare alla litoranea e non sono state finora adottate le soluzioni giuste per renderla accogliente e vivibile, non solo una trafficata strada di transito. Le criticità sono molteplici e si sono accumulate con il passare dei mesi perchè mai risolte, neanche in via provvisoria, in attesa di interventi definitivi. A partire dal manto stradale, che in diversi punti è sconnesso con avvallamenti, soprattutto in corrispondenza dello scavo realizzato per la posa della condotta del metano: proprio l’impresa che ha eseguito la metanizzazione si è occupata, come obbligo contrattuale, di rifare il tappetino d’asfalto ma dopo pochi anni sono emerse crepe e si sono formati cedimenti che con il passare del tempo si sono trasformati in buche e nei giorni scorsi nel quartiere Bucalo il manto stradale è sprofondato costringendo ad intervenire d'urgenza. Dalla strada al marciapiede, sconnesso e pericoloso in particolare tra i quartieri Portosalvo e Centro tanto da provocare di numerose cadute di pedoni finiti in ospedale. Ma ciò che rende tutto il lungomare santateresino desolante è la vegetazione, con gli alberi di mirto crespo piantati nel 2016 ormai appassiti, perchè la specie non si è rivelata adatta. Un’operazione, quella di rimozione delle tamerici e realizzazione delle nuove aiuole per impiantare gli alberelli, costata circa 100mila euro, almeno metà dei quali buttati al vento. Lo scorso autunno il Comune ha cercato di rimediare all’errore e in 25 delle 145 aiuole ha piantato degli esemplari di oleandro: “Vogliamo vedere cosa succede in inverno - aveva spiegato il sindaco Danilo Lo Giudice - se, come ci auguriamo, questo albero crescerà senza problemi e resisterà, nella prossima primavera completeremo tutto il lungomare. L’auspicio è che l’oleandro possa aver possa avere maggiore fortuna e che il nostro lungomare torni fiorito”. Oggi il risultato della prova non sembra pienamente soddisfacente, visto che le mareggiate e la salsedine hanno colpito gli alberelli causandone un parziale ingiallimento delle foglie, così come molte aiuole sono danneggiate a causa della rottura dei cordoli semicircolari, non idonei ad essere posati in strada, e piene di erbacce e pali di legno che rotolano sull’asfalto. Anche la zone  versi demaniali lato monte sono abbandonate all’incuria e non è stata finora trovata una soluzione per tenere sempre fiorite e in ordine, visto che la posa del telo antierba e della ghiaia na ha portato all’effetto sperato. Serve dunque una cura urgente per salvare la litoranea di Santa Teresa dalla sua lenta morte.



COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.