Giovedì 20 Giugno 2024
Finanziamenti per opere e progetti di assistenza. Cinque non finanziati e sette esclusi


Infrastrutture e servizi sociali, il Pnrr regala 5,5 milioni di euro a nove comuni jonici

di Andrea Rifatto | 15/12/2022 | ATTUALITÀ

1601 Lettori unici

Il palazzetto dello sport di Roccalumera è abbandonato da anni

Opere pubbliche ma anche servizi per i cittadini. Il Governo nazionale ha finanziato importanti interventi grazie all’avviso “Servizi e Infrastrutture sociali di comunità”, coperto con i fondi della Missione 5 “Inclusione e Coesione” del Piano nazionale ripresa e resilienza. Nel comprensorio arrivano 5 milioni 586mila 471 euro per 10 progetti in 9 comuni, ripartiti dall’Agenzia per la Coesione territoriale, mentre altri 5 sono risultati idonei ma non vi è la copertura finanziaria e rimangono in posizione utile in caso di scorrimento della graduatoria e sette sono stati esclusi. L’iniziativa mira a promuovere soluzioni a problemi di disagio e fragilità sociale, mediante la creazione di nuovi servizi e infrastrutture sociali e/o il miglioramento di quelli esistenti, favorendo l’aumento del numero di destinatari e/o la qualità dell’offerta, anche facilitando il collegamento e l’accessibilità ai territori in cui sono ubicati i servizi stessi, sotto forma di trasferimenti destinati alle autorità locali. A fare la parte del leone è Taormina, che ottiene 2 milioni di euro, 1 milione 248mila 860 euro per il progetto “Al Sicuro” per assistere anziani e rifugiati e altri 751mila 140 euro per la riqualificazione dello stadio “Bacigalupo”, con rifacimento manto in erba sintetica, efficientamento energetico e riqualificazione impianti. Ottimo risultato anche per Giardini Naxos, comune a cui va 1 milione di euro (rispetto a 1 milione 498mila 809 euro richiesti) per il progetto “Terzo tempo servizi innovativi per l’assistenza integrata”. Roccalumera ottiene un finanziamento da 1 milione euro per la riqualificazione e il potenziamento dei servizi del Centro sportivo polivalente, risorse attese da tempo per ricostruire il palatenda scoperchiato da oltre dieci anni e i campi da calcetto e tennis (uno sarà sostituito da due campi da paddle) in stato di degrado; fondi per opere pubbliche anche a Gaggi, dove arrivano 200mila euro per la riqualificazione e il completamento dell’area esterna della casa comunale in via Berlinguer. 

Per la tipologia beni e servizi i contributi vanno anche ai comuni di Letojanni per il progetto “Letojanni Solidale” con 299mila 760 euro; Pagliara con “Pagliara social assistance” per 299mila 930 euro, Mongiuffi Melia con l’iniziativa “Nessuno Escluso” da 299mila 781 euro, Scaletta Zanclea per il progetto “Torniamo a vivere” da 187mila euro e Santa Domenica Vittoria per il “Servizio di assistenza all’integrazione socio-alloggiativa dei migranti e il servizio di assistenza domiciliare socio-sanitaria” per 300mila euro. Idonei ma non finanziati i progetti di Roccafiorita (realizzazione pluriuso per servizi sociali di comunità, 300mila euro), Scaletta Zanclea (ammodernamento rete idrica, 112mila euro), Alì Terme (servizi socio-sanitari domiciliari, 300mila euro), Forza d’Agrò (manutenzione straordinaria campo da calcio Scifì, 300mila euro) e Limina (riqualificazione immobile per assistenza domiciliare anziani, 300mila euro). Non ammessi Furci Siculo (ristrutturazione campo da calcio, 1 milione di euro) la cui istanza è stata esclusa perchè incredibilmente il progetto non è stato approvato dal Comune; Gallodoro (ampliamento cimitero 300mila euro), Graniti (realizzazione parcheggio 300mila euro) e Motta Camastra (recupero anfiteatro, 300mila euro) per punteggio inferiore alla soglia minima, mentre Mandanici (assistenza domiciliare anziani, 300mila euro), e Gaggi (Future Hub sportello impresa giovani, 300mila euro e riqualificazione impianto sportivo “Mazzola”, 300mila euro) non sono stati ammessi per assenza documentale.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.