Mercoledì 25 Maggio 2022
Ammessa la domanda del bando "Fermenti in comune" con la onlus "Scirocco"


Inclusione sociale dei giovani, finanziato il progetto di Santa Teresa tra i 35 in Italia

di Andrea Rifatto | 23/07/2021 | ATTUALITÀ

889 Lettori unici

Il prefabbricato comunale di via Fiorentino

Un’opportunità per alleviare il disagio sociale ed evitare lisolamento dei giovani, dando modo di partecipare ad attività che li coinvolgano in maniera attiva. È ciò che sarà realizzato a Santa Teresa di Riva grazie al progetto Il loto blu, il vivaio delle diversità”, finanziato dal Dipartimento per le Politiche giovanili della Presidenza del Consiglio dopo l’istanza inviata nei mesi scorsi per la partecipazione al bando Fermenti in comune”, promosso dall’Anci. LAmministrazione comunale guidata dal sindaco Danilo Lo Giudice ha redatto un progetto dal costo di 61mila 980 euro per il settore inclusione e partecipazione, siglando un accordo di partenariato con lassociazione Scirocco Onlus” e garantendo un cofinanziamento del 29% (il minimo era il 20%), pari a 18mila 030 euro, chiedendo dunque un finanziamento di 43mila 950 euro che è stato adesso concesso dopo la valutazione della Commissione tecnica, che è valsa il posizionamento al 13esimo posto della graduatoria nella quale sono state ammesse solo 35 istanze sulle 494 giunte da tutta Italia. L’erogazione del finanziamento è subordinata alla stipula di una convenzione con l’Anci e alla regolarità dei documenti che verranno trasmessi. Il progetto prevede il coinvolgimento di almeno 56 giovani dai 16 ai 35 anni di età, con svantaggio sociale, familiare, migranti e con diversabilità, con lobiettivo di promuovere la riqualificazione del prefabbricato comunale di via Fiorentino, dove esiste già uno spazio esterno già destinato a orto sociale, e realizzare di un vivaio sociale come luogo di condivisione e sperimentazione permanente nel campo della floricultura, delle erbe aromatiche e delle piante officinali. Nel dettaglio il progetto Il loto blu” sarà attuato in cinque linee di azione: Il vivaio delle diversità” per adeguare la struttura e realizzare il vivaio; Il fagiolo magico” per realizzare un laboratorio teorico/pratico di potatura e innesto di piante da fiore e da frutto; Bonsai do”, laboratorio teorico/pratico di conoscenza, studio e coltivazione bonsai; Zenzero”, laboratorio di coltivazione di erbe aromatiche e piante officinali e Vasi comunicanti”, laboratorio di ceramica.”Un grazie particolare al nostro assessore ai Servizi Sociali Annalisa Miano - ha commentato il sindaco - che insieme allingegnere Carmelo Trimarchi ha curato tutto liter riuscendo come sempre a far eccellere il nostro comune”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.