Mercoledì 07 Dicembre 2022
Riunione con Forze dell'ordine, enti e sindaci per agire con prevenzione e repressione


Incidenti stradali, troppi morti nel 2019: in Prefettura nasce l'Osservatorio interforze

24/01/2020 | ATTUALITÀ

970 Lettori unici

La riunione in Prefettura

Gli incidenti stradali e la loro prevenzione sono stati oggetto di una riunione svoltasi questa mattina alla Prefettura di Messina della Conferenza permanente per la problematica dell’incidentalità stradale e per la predisposizione di idonee misure volte alla prevenzione e al contrasto del fenomeno, presieduta dal prefetto Maria Carmela Librizzi, alla quale hanno preso parte il sindaco della Città metropolitana, i vertici delle Forze dell’ordine, Polizia stradale, Vigili del Fuoco, Polizia metropolitana, Anas, Cas, Centrale operativa 118, sindaci e Polizia locale di numerosi comuni del territorio, Anci Sicilia referente per la provincia e la presidente dell’Associazione familiari e vittime della strada. Il prefetto, richiamando anche precedenti riunioni concernenti iniziative volte a contrastare il fenomeno dell’incidentalità stradale, ha richiamato l’attenzione su quanto previsto dalla recente direttiva del Ministro dell’interno, con la quale, alla luce dei gravi episodi di perdita di vite umane nell’ambito di incidenti stradali verificatisi di recente, viene sottolineata la necessità di prevenire e contrastare con ogni mezzo possibile tale fenomeno. Anche nell’ambito del territorio provinciale, nel corso del 2019, si è registrato un tasso di incidentalità elevato, con 21 vittime della strada di cui 5 sulle arterie autostradali della provincia e 11 nel territorio di Messina, e più di 1.000 incidenti con lesioni. Tenuto conto della necessità di agire in maniera sinergica tra tutte le istituzioni al fine di promuovere percorsi strategici, condivisi con le diverse amministrazioni interessate dal fenomeno, finalizzati a programmare un quadro organico di interventi che possano concretamente risultare di ausilio nella prevenzione e nel contrasto di condotte che rappresentano le principali cause di incidenti stradali con lesioni, è stato istituito, nell’ambito della Conferenza permanente, un “Osservatorio sull’incidentalità stradale”, del quale faranno parte rappresentanti delle Forze dell’ordine, Polizia stradale, Polizia metropolitana, Vigili del Fuoco, Comune di Messina, Anas, Cas, 118, con il principale compito di attenzionare gli incidenti stradali con lesioni e gli eventuali correttivi da apportare per ridurre al minimo tali eventi e monitorare le principali situazioni di criticità per la sicurezza sulle strade che saranno man mano segnalate dai Comuni.

Il prefetto ha assicurato che sul fronte della repressione, necessaria per arginare il fenomeno e limitare gli effetti dovuti alle condotte irregolari e in violazione al Codice della Strada, sono in corso servizi mirati interforze di controllo del territorio messi in alto nelle zone di aggregazione giovanile o nei luoghi affollati dove maggiore può essere il rischio di incidenti stradali. Alla luce, pertanto, del recente Accordo quadro tra Ministero dell’Interno e Anci in materia di servizi di polizia stradale sulla viabilità dei centri urbani, saranno attuate forme coordinate di impiego delle risorse sul territorio per l’espletamento delle funzioni di polizia stradale sulla viabilità urbana compresa la rilevazione di incidenti stradali per le Città metropolitane, tra cui Messina. Il sindaco della Città metropolitana ha fatto presente che come siano state effettuate anche mirate ricognizioni sulle strade provinciali, individuate quelle per le quali sono più urgenti gli interventi di rifacimento del manto stradale e stanziate risorse economiche per la programmazione di interventi risolutivi che avranno luogo nei prossimi mesi. Ha evidenziato quindi che la Città metropolitana ha messo in atto una strategia complessiva con finanziamenti già ottenuti per circa 130 milioni di euro di cui, 18 milioni appaltati nel 2019, 43 milioni da appaltare nel 2020 e 69 milioni in corso di progettazione da appaltare nel 2021.

Nella riunione sono state inoltre evidenziate le iniziative programmate o in corso di progettazione anche da Cas e Anas per la messa in sicurezza delle autostrade e strade di competenza, che riguardano sia interventi per il rifacimento del manto stradale, la manutenzione della vegetazione, le barriere longitudinali, i lavori per prevenire caduta massi o frane, evidenziando, a tal proposito, ogni attenzione al fine di garantire la concreta definizione delle stesse. I sindaci presenti, nel rendersi disponibili a porre in essere ogni attività per il miglioramento delle strade comunali con il coinvolgimento delle Polizie locali, hanno fortemente sostenuto la necessità di attuare iniziative condivise con gli Enti preposti per migliorare la viabilità nei loro territori. Il prefetto ha posto l’accento, a conclusione della riunione, sulla responsabilità di ciascuna istituzione per fronteggiare il fenomeno e promuovere iniziative di educazione stradale e in proposito ha informato che d’intesa con l’Ufficio scolastico provinciale e l’Associazione dei familiari e vittime della strada, saranno rafforzate attività di coinvolgimento delle scuole finalizzate ad imprimere nei ragazzi il senso di responsabilità e il rispetto delle norme del Codice della Strada, Su suggerimento della presidente dell’Associazione dei familiari e vittime della strada saranno coinvolte le istituzioni sanitarie per far conoscere ai ragazzi gli effetti dell’uso di sostanze alcoliche e stupefacenti.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.