Mercoledì 19 Giugno 2024
Presentati gli appuntamenti di agosto nell'anniversario della strage di Bologna


Il ricordo di Onofrio Zappalà a S. Teresa e S. Alessio, per sconfiggere mafia e terrorismo

di Andrea Rifatto | 27/07/2019 | ATTUALITÀ

1624 Lettori unici

La conferenza di presentazione

A 39 anni da quel due 2 agosto 1980 l’associazione “Amici di Onofrio Zappalà” è ancora una volta in prima linea per ricordare la strage di Bologna il giovane alessese Onofrio Zappalà, una delle 85 vittime. L’appuntamento dell’1 e 2 agosto con il Premio a lui intitolato è stato presentato ieri a S. Teresa nel corso di una conferenza stampa in municipio da Antonello D’Arrigo e Natale Caminiti, presidente e vicepresidente dell’associazione “Amici di Onofrio Zappalà”, dal sindaco Danilo Lo Giudice, dall’assessore Saro Trischitta di Sant’Alessio, dalle dirigenti degli istituti "Caminiti-Trimarchi" e del "Comprensivo" di S. Teresa, Carmela Maria Lipari ed Enza Interdonato. Il programma prevede giovedì 1 agosto alle ore 20.30, a Villa Genovesi a Sant’Alessio, un incontro con Francesca Andreozzi, nipote di Pippo Fava e vicepresidente della Fondazione a lui intitolata, per ricordare Onofrio nella sua cittadina. Venerdì 2 agosto, alle 18.30, nel cimitero di Sant’Alessio verrà deposto un pensiero floreale sulla tomba di Onofrio e alle 19 sarà celebrata la messa nella chiesa madre. Alle 20.30 nel giardino di Villa Crisafulli-Ragno a S. Teresa inizierà la serata con il XIV Premio Zappalà, insignito per l’undicesimo anno della medaglia di rappresentanza della Presidenza della Repubblica, e la consegna delle borse di studio agli studenti del “Caminiti-Trimarchi”: ospiti della serata il magistrato Vittorio Teresi, pubblico ministero al primo processo sulla Trattativa Stato-Mafia e Francesca Andreozzi. Nel corso della serata verrà proiettato un cortometraggio dedicato alla legalità girato dagli studenti della III C della scuola secondaria di primo grado di San Teodoro, appartenenti all’Istituto comprensivo “Don Luigi Sturzo” di Cesarò, che hanno vinto un bando della Consulta dei Nebrodi in occasione dell’anniversario della morte di Giovanni Falcone. A rappresentare la scuola era presente alla conferenza stampa la professoressa Anna Rita Fittaiolo. Alla manifestaizone partecipano anche il Movimento Agende Rosse-Gruppo Graziella Campagna di Messina e Libera-presidio Nina e Ida Agostino di Messina.

“Continuiamo il nostro impegno contro mafia e terrorismo per ottenere verità e giustizia e combattere il malaffare sul territorio” ha detto D’Arrigo, ricordando l’importanza della collaborazione con le scuole per formare le coscienze. “Un percorso di memoria per gli studenti e la società civile che rappresenta ormai un punto fermo della nostra associazione” ha aggiunto Caminiti. Per il sindaco Lo Giudice “va riconosciuto il costante e duraturo lavoro fatto dagli amici di Onofrio Zappalà per trasformare un evento tragico in una risorsa per promuovere la cultura dell’antimafia, soprattutto nelle scuole con cui si è ormai instaurata un’importante sinergia”. Trischitta ha ringraziato l’associazione perché tiene sempre alta la memoria di Onofrio e ha annunciato che presto verrà ripristinata la targa nella piazza di Sant’Alessio che porta il suo nome. La dirigente Lipari ha ricordato come il “Premio Zappalà” costituisca la tappa conclusiva del percorso legalità che il “Caminiti-Trimarchi” porta avanti durante l’anno scolastico, grazie a una collaborazione nata per volontà dei compagni di Onofrio che hanno creato una rete di condivisione per far conoscere la sua figura. La collega Interdonato so è detta fiera di questa collaborazione tra il Comprensivo e l’associazione “Amici di Onofrio Zappalà”, che vedrà gli studenti della scuola primaria di Sant’Alessio esibirsi l’1 agosto in una recita che ripercorre i fatti che portarono alla strage di Bologna, legandoli alla storia personale e lavorativa di Onofrio, grazie a un lavoro di analisi e studio dei fatti e delle fonti storiche condotto sotto la guida delle insegnanti Carmelina, Patrizia Ucchino, Carolina Casale, Rosanna Palella e Maria Catena Miuccio.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.