Martedì 11 Maggio 2021
Visite istituzionali e confronti con i sindaci, tra risorse e problemi quotidiani


Il prefetto Librizzi arriva a Savoca e Antillo: "Voglio sentir parlare i territori" - FOTO

di Andrea Rifatto | 22/02/2020 | ATTUALITÀ

2036 Lettori unici

Minutoli, Librizzi e Bartolotta sull'Ape calessino

Uscire dal Palazzo di Governo per incontrare i cittadini e conoscere le realtà locali, vedere di persona le difficoltà spesso rappresentate dai sindaci e sentire il territorio. Sono obiettivi che il prefetto di Messina, Maria Carmela Librizzi, si è posta sin dal suo insediamento due anni fa e che l’hanno portata in visita istituzionale in due centri della Val d’Agrò, Savoca e Antillo. Accompagnata dal capo di Gabinetto Caterina Minutoli e dal comandante della Compagnia Carabinieri di Taormina, capitano Arcangelo Maiello, Sua Eccellenza è stata prima nel borgo savocese, scortata dai carabinieri di Sant’Alessio Siculo con il comandante Vito Calì, dove è stata accolta nell’aula consiliare dal sindaco Antonino Bartolotta, dal presidente del Consiglio comunale Massimo Stracuzzi, dalla vicepresidente Paola Pantò e dall’assessore Carmela Miuccio, dalla Polizia municipale con il comandante Francesco Garufi, dalla Protezione civile comunale coordinata da Giuseppe Celona, dagli studenti della II D della scuola media con la dirigente scolastica Enza Interdonato e dell’artista Nino Ucchino. Bartolotta ha illustrato le caratteristiche del suo comune, “uno dei borghi più beli d'Italia con un territorio molto frazionato e una popolazione in numero inferiore alle sue potenzialità – ha detto – che soffre la scarsa manutenzione delle strade provinciali e vive attraversato da tre torrenti a ridosso dei quali esistono insediamenti abitativi. Abbiamo sempre cercato di far valere la nostra storia e le nostre tradizioni – ha rimarcato il sindaco – viviamo principalmente di turismo, in 10 anni siamo passati da 0 a 100 posti letto nel centro storico e puntiamo sul turismo ecosostenibile e che valorizzi le nostre peculiarità. Per me questa che volge al termine è la terza legislatura, siamo stati molto coesi in questi cinque anni – ha aggiunto Bartolotta – vi è stata la collaborazione propositiva dell’opposizione per ripianare il disavanzo dei nostri conti e contiamo di chiudere il bilancio consuntivo di fine mandato in positivo. Abbiamo inoltre ottenuto diversi finanziamenti per migliorare il territorio e le scuole”. Il prefetto Librizzi ha evidenziato come “Savoca è un borgo che offre uno spaccato caratteristico della Sicilia e deve sfruttare la bellezza dei suoi paesaggi per attrarre il turista e incentivare la nascita di strutture ricettive, anche per dare possibilità di lavoro ai giovani, perché andare fuori deve essere una scelta e non un obbligo” e ha dialogato con gli studenti savocesi promettendo che verranno invitati alla prossima iniziativa pubblica in Prefettura, “perché uno dei miei obiettivi è colmare il distacco tra istituzioni e realtà e bisogna partire dai giovani”. Prima della ripartenza, il prefetto ha effettuato un giro per una fugace visita del centro storico insieme al sindaco e al capo di Gabinetto a bordo della caratteristica Ape calessino.

Ad Antillo il prefetto di Messina è stato ricevuto in municipio dal sindaco Davide Paratore, dal vicesindaco Simone Bongiorno, dall’assessore Noemi Palella, dal presidente del Consiglio comunale Marco Paratore e dalla vicepresidente Giovanna Novelli, insieme al comandante dei Stazione Carabinieri, maresciallo Daniele Settimo, al comandante dei Vigili urbani Maria Sigillo e al responsabile della Protezione civile Vincenzo Sturiale: “Siamo l’ultimo comune della Val d’Agrò, con un territorio molto vasto e soffriamo il cattivo stato in cui versano le strade di collegamento con la costa – ha detto il sindaco – percorse ogni giorno dai nostri cittadini: attendiamo ancora l’inizio dei lavori finanziati dal Masterplan. Importante è la presenza del presidio dell’Arma dei Carabinieri, noi facciamo di tutto per evitare lo spopolamento e in questi anni abbiamo avviato diverse iniziative per migliorare il paese. Abbiamo intercettato finanziamenti per efficientare l’illuminazione pubblica, siamo vicini a quelle famiglie che soffrono disagi, curiamo le nostre scuole e a livello finanziario operiamo con una gestione prudente, cerchiamo di limitare le spese e riusciamo a pagare gli stipendi ai dipendenti. Il prefetto Maria Carmela Librizzi ha concordato come le criticità alla viabilità, rappresentante più volte da Paratore in prefettura anche come rappresentante dell’Anci, comportino conseguenze anche gravi soprattutto in caso di calamità, esortando l’Amministrazione a proseguire sulla strada della valorizzare del borgo antillese soprattutto per fini turistici. Sia a Savoca che ad Antillo la rappresentate del Governo ha chiesto informazioni sui Corpi di Polizia locale, una delle criticità dei piccoli centri, formati in entrambi i comuni dal solo comandante anche se a Savoca vi sono due ausiliari. Paratore, in qualità di presidente dell’Unione dei Comuni, ha fatto presente come vi sia la volontà di istituire un Corpo di Polizia locale comprensoriale e si sta lavorando in questa direzione con i sindaci. “Tornerò in questi due paesi da libera cittadina – ha detto al termine delle visite – per conoscerli e apprezzarlo al meglio”.



COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.