Mercoledì 01 Dicembre 2021
Passeggiate alla scoperta dei due principali siti di epoca romana della zona


Giornate europee dell’Archeologia, Archeoclub mostra due "gioielli" a Mongiuffi e Scifì

21/06/2021 | ATTUALITÀ

858 Lettori unici

Il gruppo negli scavi di Scifì

Anche i siti archeologici del comprensorio jonico sono stati coinvolti nel fine settimana nelle Giornate europee dell’Archeologia. La rete di Archeoclub nazionale si è attivata per riscoprire i tanti siti archeologici italiani e anche la sede Area Ionica ha concentrato l’attenzione sulle sue due principali attrazioni di epoca romana: l’acquedotto del Chiodaro a Mongiuffi Melia ed il sito di Scifì a Forza d’Agrò. L’evento si è snodato in due “passeggiate archeologiche”, forma di promozione e divulgazione che Archeoclub Area Ionica sta sempre più privilegiando. La prima è partita sabato mattina dal Santuario della Madonna della Catena di Mongiuffi Melia e ha raggiunto il “cuore” dell’antico acquedotto romano, illustrato dalla vice presidente di Archeoclub Ketty Tamà e da Antonella Siligato, facendo riferimento soprattutto agli studi del giovane archeologo letojannese, Dino Alberto Rapisarda. È stata chiarita la struttura e la funzione dell’infrastruttura e le varie vicissitudini che hanno portato ora a riscoprirla in maniera scientifica, proprio grazie all’impegno di Rapisarda fin dagli studi universitari.

Subito dopo il gruppo si è spostato a Scifì, la cui area archeologica è stata illustrata dal presidente Filippo Brianni, facendo riferimento agli studi ed al “sogno” dello storico locale Giuseppe Lombardo ed agli scavi condotti e studiati da Maria Grazia Lentini, Gabriella Tigano (oggi direttrice del Parco di Naxos) e Grazia Spagnolo (docente dell’Università di Messina, particolarmente legata al sito). Brianni ha evidenziato come secondo l’ipotesi di Lombardo a Scifì si trovava l’originaria abbazia dei Santi Pietro e Paolo, distrutta da un’alluvione e poi realizzata dall’altra parte del torrente in epoca normanna. Gli scavi finora eseguiti hanno fatto emergere i frammenti di una struttura imponente, che dovrebbe aver “vissuto” tra la fine del periodo greco e la fase tardo romana, subendo in mezzo un terremoto ed alla fine all’alluvione. I reperti emersi fanno pensare ad una mansio, una sorta di “stazione di sosta” lungo la strada romana Milazzo-Taormina o ad un villa di cui si sarebbe finora scoperto solo la minima parte. Perciò il presidente di Archeoclub ha evidenziato l’esigenza di svolgere indagini geoscanner per capire la conformazione della struttura.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.