Lunedì 17 Giugno 2024
Avviata dalla Regione dopo un esposto e una risposta incompleta fornita dal municipio


Giardini, presunti illeciti nella costruzione di capannoni: scatta l'ispezione al Comune

di Andrea Rifatto | 03/08/2023 | ATTUALITÀ

983 Lettori unici

L'area dove sono previste le strutture

Scatta un accertamento ispettivo nei confronti del Comune di Giardini Naxos. A disporlo è stato il Dipartimento regionale dell’Urbanistica, dopo l’esposto-denuncia inviato il 17 febbraio all’Assessorato regionale Territorio e Ambiente da una cittadina in merito a presunti illeciti urbanistico-edilizi nel rilascio di atti concessori del 2008, del 2015 e del 2017 per l’autorizzazione a costruire due capannoni per la trasformazione di prodotti agricoli, in base alla Legge regionale 71/1978, in due lotti di terreno destinati a verde agricolo poco più a monte della via Pancrazio De Pasquale. I denuncianti contestano da tempo come quell’area sarebbe a rischio idrogeologico e frana e segnalano altre difformità e anomalie in merito allo smaltimento dei reflui fognari e alle modalità di sbancamento del terreno e costruzione delle fondazioni, tanto da essersi rivolti anche ai Carabinieri. Il 16 marzo il Dipartimento dell’Urbanistica ha invitato il Comune a voler inviare un circostanziato rapporto sui fatti descritti nell’esposto-denuncia che desse puntuale risposta a quanto lamentato, completo della documentazione rilevante o ritenuta utile per consentire le relative determinazioni, ma non essendo arrivato riscontro il 9 maggio la richiesta è stato reiterata, con un termine perentorio di 15 giorni. 

Palazzo dei Naxioti ha risposto il giorno dopo, ma il Dipartimento dell’Urbanistica ha rilevato che la nota “non appare esaustiva e completa in quanto non fornisce puntualmente riscontro a quanto lamentato dall’esponente”. Così il dirigente generale Calogero Beringheli ha nominato come ispettore il geometra Antonio Lo Presti, funzionario-dirigente del Dipartimento, che dovrà acquisire al Comune di Giardini Naxos ogni utile elemento, unitamente a copia dei relativi atti e provvedimenti, necessari per una verifica approfondita in ordine alla legittimità degli atti concessori per la costruzione dei due capannoni e alla relativa conformità degli stessi rispetto allo strumento urbanistico vigente, con il compito di relazionare sull’esito della verifica svolta. L’incarico ispettivo conferito non potrà eccedere il termine di 90 giorni e in caso di particolare complessità, previa relazione intermedia, il termine potrà essere prorogato di altri 60 giorni.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.