Lunedì 17 Giugno 2024
Ordinanza del sindaco che disciplina la gestione dei gatti da parte dei volontari


Giardini, nuove regole per le colonie feline per tutelare gli animali e il decoro urbano

di Andrea Rifatto | 26/05/2024 | ATTUALITÀ

2389 Lettori unici | Commenti 1

Le colonie devono essere riconosciute

Tutelare i diritti degli animali che vivono in libertà e assicurare il decoro urbano e la salvaguardia igienico-sanitaria della popolazione. Sono le due finalità che hanno portato il sindaco di Giardini Naxos, Giorgio Stracuzzi, a firmare un’ordinanza per regolamentare la gestione delle colonie feline. In città ne sono state censite alcune, curate da volontari ma in vari e mutevoli modi: ciò, secondo il Comune, determina spesso problematiche di tipo igienico-sanitario e decoro urbano, soprattutto nei periodi estivi, in una località tra l’altro ad alta densità turistica. Il provvedimento stabilisce che è consentito portare il cibo dalle 7 alle 9 e dalle 18 alle 20, collocandolo in posti ombrosi per evitare la decomposizione e in un numero di ciotole adeguate al numero dei gatti che popola la colonia. Diversi gli obblighi fissati: lasciare ai gatti 30 minuti di tempo per mangiare e poi eliminare gli avanzi e le ciotole, che devono essere lavate ad ogni utilizzo; lasciare pulita l'area di alimentazione, per tenere lontani altri animali domestici, topi, ratti e parassiti; utilizzare contenitori usa e getta o in materiale lavabile e disinfettabile e rimuoverli quanto prima, lavando e disinfettando i contenitori riutilizzabili; lasciare sempre l'acqua a disposizione dei gatti e cambiarla ogni volta che si porta il cibo. 

Stracuzzi ricorda come una colonia felina esista solo quando venga istituita dal Comune d’intesa con l'Asp, censendo le zone in cui è stata rilevata la presenza dei gatti liberi con la compilazione della scheda di identificazione e l’individuazione di un referente; i cittadini che intendono essere riconosciuti come referenti delle colonie devono prendere accordi con il municipio, che rilascia un apposito tesserino di riconoscimento per l'autorizzazione all'alimentazione e alla cura dei gatti. In materia la norma regionale stabilisce che chiunque può alimentare i gatti vaganti, nel rispetto delle norme per l’igiene del suolo pubblico evitando la dispersione di alimenti e provvedendo alla pulizia della zona dove gli animali sono alimentati. Il mancato rispetto dell’ordinanza comporta sanzioni amministrative da 25 a 500 euro.


COMMENTI

Francesco Dr. D'Arrigo | il 26/05/2024 alle 17:34:10

Le disposizioni vanno fatte quando si è certi di farle rispettare ! Mi piacerebbe sapere chi farebbe rispettare la disposizione in oggetto. Con tanti gravi problemi che affliggono Giardini Naxos ( Bilancio; Pudum; Viabilità; Parcheggi; ecc. ecc ) vanno a pensare ai Gatti !

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.