Domenica 11 Aprile 2021
La sezione di Alì Terme prosegue la raccolta viste le richieste degli ospedali


Furci, la pandemia non ferma la solidarietà con l'Avis: continuano le donazioni di sangue

di Redazione | 24/10/2020 | ATTUALITÀ

520 Lettori unici

Volontari dell'Avis e amministratori

Nonostante il momento critico causato dallemergenza legata alla pandemia da Covid-19, che sta pesantemente condizionando le attività in ogni settore, non si ferma la voglia di solidarietà della comunità di Furci e della “famiglia” dell’Avis di Alì Terme, impegnata ogni giorno nella raccolta sangue nel territorio jonico. Un legame ben saldo e duraturo, che unisce amore verso i cittadini e vicinanza a quanti soffrono. Riscontrando una notevole partecipazione di volontari, l’Avis aliese ha risposto agli appelli che provengono dagli ospedali della provincia vista la costante necessità di sacche di sangue, chiamando a raccolta sia i soci donatori che nuove leve: nel corso di una giornata svoltasi in piazza Sacro Cuore a Furci, sono state quindi numerose le donazioni e le predonazioni, alle quali si sono aggiunti anche alcuni esami sierologici per la ricerca di anticorpi al Covid-19, così come previsto dagli accordi tra Avis e Asp di Messina. Un appuntamento che, nel pieno rispetto delle normative per il contrasto alla diffusione del coronavirus, si è svolto con il consueto spirito “avisino”, fatto di allegria e solidarietà. Una giornata arricchita dalla massiccia presenza dei volontari della Croce Rossa Italiana-Comitato Roccalumera-Taormina, che hanno svolto alcuni accertamenti preliminari sui donatori. Presenti anche il sindaco Matteo Francilia, socio Avis e donatore “doc”, e lassessore Giovanni Catania, promotore della giornata di donazione.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.