Sabato 24 Febbraio 2024
Inaugurata la litoranea dopo le opere di salvaguardia. Presente il presidente Musumeci


Furci, ecco il nuovo lungomare Carmelo Garufi: "Tra i più belli della provincia" - FOTO

di Andrea Rifatto | 17/07/2022 | ATTUALITÀ

2811 Lettori unici

Il taglio del nastro

Novecento metri con un aspetto uniforme, un nuovo affaccio sul mare per far godere a residenti e turisti la vista dello Jonio. È così che si presenta adesso il lungomare di Furci Siculo, al termine dei lavori di ampliamento effettuati dall'impresa "Pacos Srl" di Naro (Agrigento), conclusi nelle scorse settimane e finalizzati a difendere la litoranea dall’erosione costiera, grazie al finanziamento da 1 milione 297mila 021 euro concesso dalla Regione con il Patto per il Sud. I tratti sud (180 metri) e nord (345 metri) hanno adesso la stessa conformazione di quello centrale da 370 metri, già interessato dall’ampliamento tra il 2006 e il 2007 grazie ai fondi del Pit 13, con la sagomatura inferiore tondeggiante verso l’incastro per garantire un maggiore contrasto alle ondate marine e un marciapiede passato da una larghezza di 1,40 a 2,90 metri. Una litoranea rinnovata e abbellita, con verde e arredi, dall’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Matteo Francilia, che ieri ha inaugurato l’opera e contestualmente ha intitolato il lungomare al professor Carmelo Garufi, sindaco dal 1952 al 1985, che negli Anni ’70 avviò i lavori per realizzare il primo tratto di litoranea. Al taglio del nastro presenti anche il presidente della Regione Nello Musumeci, il sindaco metropolitano Federico Basile, i sindaci dei comuni del comprensorio jonico, numerose autorità civili e militari come il presidente della Corte d’Appello di Catania, Filippo Pennisi, rappresentanti dell’Arma dei Carabinieri (il comandante della Compagnia di Taormina Giovanni Riacà e della Stazione di Santa Teresa di Riva Maurizio La Monica) e della Polizia di Stato. Presenti anche i familiari dell’ex sindaco Garufi, le figlie Tessa e Alba, nipoti e pronipoti, gli ex sindaci Domenico Ventura, Bruno Parisi e Sebastiano Foti, consiglieri ed assessori ed ex amministratori come l’onorevole Carmelo Briguglio, deputato nazionale e regionale e vicesindaco negli Anni ’80. A benedire il nuovo lungomare è stato il parroco di Furci, padre Massimo Briguglio.

“Una giornata importante per la nostra comunità - ha detto il sindaco Matteo Francilia - inauguriamo una delle opere più significative per la cittadina, una struttura che protegge la costa e favorisce il turismo. Ringrazio la Struttura commissariale contro il dissesto guidata da Maurizio Croce e il presidente della Regione per aver finanziato l’opera. Abbiamo ottenuto una meravigliosa passeggiata a mare, lo dico con umiltà ma credo sia tra i lungomari più belli della provincia. A ciò si è aggiunta la Bandiera blu, un riconoscimento importante, e adesso dobbiamo lavorare per realizzare la riviera blu in modo da attrarre ancora più turisti nel nostro comprensorio. E abbiamo voluto intitolarlo al professore Carmelo Garufi, che da sindaco costruì Furci e mise le basi per la nascita della comunità dal punto di vista infrastrutturale e sociale”. Per Federico Basile “bisogna mettere a sistema tutta la riviera, la Città metropolitana è pronta a supportare questa iniziativa per l’inizio di un nuovo percorso”. “Una felice intuizione del sindaco di Furci - ha detto nel suo intervento Nello Musumeci - un’opera che io ho voluto come commissario per la lotta contro il dissesto e che adesso consente anche di rendere omaggio ad un illustre cittadino, averne memoria oggi significa che ha lasciato una traccia, in politica la gratitudine e la riconoscenza non esistono ma è importante che ogni amministratore risponda alla propria coscienza. In questa riviera abbiamo speso oltre 40 milioni di euro per dissesto e pulitura di fiumi - ha aggiunto - non era mai accaduto in 70 anni, andrò in ogni comune a renderne conto. È significativo che la sensibilità degli attuali amministratori abbia inciso affinché il commissario o il governo abbiano deliberato interventi di messa in sicurezza. L’erosione è un triste fenomeno ormai galoppante ovunque, dobbiamo farne i conti ma siamo pronti, la nostra è la regione che speso più di tutte in Italia nella lotta al dissesto, 567 milioni di euro in quattro anni e mezzo, a testimonianza del nostro lavoro di programmazione e di attenzione tutto il territorio siciliano”.



COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.