Domenica 24 Ottobre 2021
Opere grazie ai fondi del Governo. Il paese ha ormai perso la sua squadra


Furci, dopo due anni e mezzo dalla chiusura appaltati i lavori per il campo da tennis

di Andrea Rifatto | 24/09/2021 | ATTUALITÀ

520 Lettori unici

Il "Carmelo Barbera” è chiuso dal 2019

Sono stati appaltati i lavori di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza del campo da tennis “Carmelo Barbera” di Furci Siculo, chiuso da oltre due anni dall’Amministrazione comunale del sindaco Matteo Francilia L'Ufficio tecnico ha infatti affidato le opere all’impresa “Edilsviluppo Slrs” di Basicò, vincitrice della procedura alla quale sono state invitate tre ditte con un ribasso dello 0,65% per la somma di 25mila 999 euro oltre Iva, per una costo totale dell’operazione pari a 30mila 462 euro, importo che il Comune ha ottenuto dal Governo come contributo per infrastrutture di carattere sociale, decidendo di destinarlo al campo da tennis. Il progetto è stato redatto dal geometra Domenico Finocchio, per una spesa di 26mila 164 euro per lavori e 4mila 297 euro per somme a disposizione, e ha ottenuto l’autorizzazione idraulica dall’Autorità di Bacino, l’autorizzazione paesaggistica della Soprintendenza ai beni culturali e ambientali e il permesso di occupazione anticipata dall’Agenzia del Demanio. I lavori riguarderanno solo il terreno da gioco, mentre non si interverrà sulla struttura destinata a spogliatoi e deposito. L’1 luglio del 2019 l’Amministrazione decise di interdire l’impianto per motivi di sicurezza in quanto, secondo l’Ufficio tecnico, non vi erano più i requisiti per consentirne l’utilizzo: campo e spogliatoi divennero non agibili, anche se non presentavano particolari problemi al di là di una recinzione non perfettamente stabile, di infiltrazioni d’acqua in un locale deposito che poteva essere chiuso senza sbarrare gli spogliatoi e di una presunta inadeguatezza dell’impianto elettrico, già non utilizzato: criticità che sembravano risolvibili in poco tempo e con una spesa non eccessiva, così da consentire agli sportivi di tornare a fare attività, come è avvenuto per altri impianti sportivi la cui chiusura avrebbe portato a proteste più eclatanti. Ciò ha fatto nascere contrasti tra Amministrazione e Tennis Team Furci, società che aveva gestito fino a quel momento la struttura e che si è vista costretta a trasferirsi in un impianto privato e poi a Roccalumera, con il risultato che adesso Furci non è più rappresentato a livello provinciale e regionale nei campionati tennistici, visto che il sodalizio sportivo, dopo lo “sfratto”, ha cambiato denominazione in Jonica Tennis Team, squadra di recente promossa in Serie D1.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.