Giovedì 20 Giugno 2024
Cantiere chiuso dopo un anno e spazi pronti ad essere restituiti alla collettività


Furci, completato il restyling di "Furci Verde": la cavea e la villa tornano a risplendere

di Andrea Rifatto | 19/01/2023 | ATTUALITÀ

1149 Lettori unici

Villa e cavea con la nuova illuminazione

I lavori sarebbero dovuti durare sei mesi, si sono invece prolungati fino ad un anno ma il risultato finale giustifica la lunga attesa. Hanno un nuovo volto la villa comunale “Furci Verde” con l’annessa cavea per gli spettacoli, spazi chiusi dal dicembre 2021 per i lavori di riqualificazione e recupero finanziati dal Governo nazionale con 750mila euro del Bando Periferie. L’impresa affidataria delle opere, la “Zappietro Paolo Antonio” di Gela, ha completato tutte le lavorazioni (al netto di piccoli dettagli), sotto la direzione del geometra Angelo Garufi, e adesso si passerà alla fase di collaudo prima dell’apertura al pubblico, che avverrà presumibilmente nel giro di un mese. Lunedì sera, alla presenza del sindaco Matteo Francilia, è stato acceso il nuovo impianto di illuminazione per testare i moderni sistemi a Led e ottimizzare la diffusione della luce e il colpo d’occhio è stato subito evidente, in particolare nella cavea, uno spazio per gli spettacoli unico in tutta la zona jonica riportato all’antico splendore, affiancato dalla villa che rappresenta il polmone verde cittadino. 

Il progetto ha previsto la sostituzione di tutta la pavimentazione dell’ampio spazio ribassato, dei gradini e degli scalini in marmo; la sostituzione delle ringhiere di recinzione in ferro; il ripristino degli intonaci ammalorati; il ripristino della pavimentazione in pietra locale dei vialetti di camminamento all’interno della villa; la messa in sicurezza dell’area giochi per i bambini; la manutenzione delle panchine; l’installazione di 4 fontanelle e 35 cestini portacarte; la revisione della rete di smaltimento acque meteoriche (pozzetti, cunette di raccolta); il rifacimento dell’impianto di irrigazione; la messa a dimora di prato inglese; l’adeguamento dell’impianto di pubblica illuminazione e la piantumazione di nuove piante. Inoltre sono state abbattute le barriere architettoniche e cavea e parco sono stati uniti attraverso la rimozione della ringhiera e l’abbassamento del muro intermedio. Un intervento da quasi 600mila euro che ha consentito a “Furci Verde” di avere maggiore qualità sotto il profilo organizzativo, gestionale ed ambientale potendo, così da aspirare a ricoprire a livello comprensoriale un ruolo strategico per l’organizzazione di manifestazioni estive ed eventi culturali in genere. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.