Venerdì 23 Febbraio 2024
Approvata una nuova proposta di concessione per realizzare tombe e cappelle


Furci, cimiteri ai privati ma project financing dimezzato: costi più alti per i cittadini

di Andrea Rifatto | 16/11/2021 | ATTUALITÀ

706 Lettori unici

Il camposanto centrale

L’idea è rimasta quella di partenza, ma adesso è stata… dimezzata. A Furci Siculo si punta ad ampliare i cimiteri con un’operazione di project financing con i privati, ma rispetto alla proposta approvata nel febbraio 2020 l’Amministrazione comunale ha emanato adesso un nuovo provvedimento, che prevede un intervento di minore entità tanto che l’importo dell’operazione è passato da 1 milione 664mila 398 euro a 901mila 107 euro. La soluzione alla carenza di spazi è sempre quella presentata dal “Consorzio Artigiano Edile Sicilia” di Pace del Mela, con un’iniziativa che non prevede alcun onere a carico del Comune. Le modifiche al progetto iniziale sono state chieste nei mesi scorsi dalla Commissione consiliare Pianificazione ambientale, sviluppo ecosostenibile e qualità della vita, che dopo aver esaminato il progetto ha chiesto di rimodulare l’intervento concentrandolo solo nella parte iniziale del cimitero, ossia nei settori C1 e D1. Una volte riesaminata la documentazione, la commissione lo ha condiviso e dunque il “Caes” ha trasmesso gli atti al Comune e la Giunta ha proceduto con l’approvazione, revocando la delibera del 2020. L’operazione prevede un costo dei lavori pari a 559mila 335 euro (in precedenza 1 milione 112mila 069) e 341mila 772 euro per somme a disposizione e riguarda l’estumulazione e la demolizione di loculi fatiscenti e la realizzazione di nuovi loculi e cappelle. Al centro sono previste 361 celle in blocchi di cemento armato prefabbricato, 8 cappelle da 8 posti (con all’interno anche 6 ossari e 8 cenerari) e 24 ossari accanto al blocco cappelle; ad Artale previsti invece 8 loculi in vetroresina. 

La concessione con la società di Pace del Mela sarà siglata per 8 anni e non più 23, per un investimento che scende da 1 milione 506mila 721 euro a 818mila 220 euro. Confermato l’aumento dei costi per i cittadini: i loculi vanno da 1.900 a 2.800 euro (prima 2.400-2.900 euro) per chi acquisterà dopo la morte e tra 2.800 e 3.700 euro (prima 3.300-3.800) in vita, compresi i costi per i marmi e gli arredi funerari (portafoto, portafiori e lampade); attualmente il costo varia da 1.300 a 1.700 nel primo caso e da 1.950 a 2.550 nel secondo. Una cappella costerà 40mila euro. Previsto inoltre un rincaro per le luci perpetue, il cui costo di allaccio passa da 14 a 23 euro l’anno, così come il canone annuo di gestione da 10 a 16 euro; la singola lampadina da apporre in occasione della commemorazione dei Defunti passa invece da 1 euro a 1,20 euro. Nella precedente proposta erano previsti anche interventi di rifacimento dell’impianto elettrico, riqualificazione dei corridoi e dell’ingresso con nuova pavimentazione al centro e pavimentazione delle piazzette ad Artale. Una soluzione, quella della concessione ai privati e nello specifico al “Consorzio Artigiano Edile Sicilia” (la stessa società che sta ampliando i cimiteri di Santa Teresa di Riva), giudicata l’unica possibile in grado di risolvere per un lungo periodo la carenza di posti per le sepolture e a costo zero per le casse del Comune.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.