Martedì 07 Febbraio 2023
Il Consiglio ha cambiato la destinazione d'uso dell'ex scuola appena ristrutturata


Forza d'Agrò, il Centro sociale finanziato dal Governo diventa bar: la minoranza interroga

di Andrea Rifatto | 06/12/2022 | ATTUALITÀ

848 Lettori unici

L'ex scuola è stata interamente ristrutturata

Doveva diventare un centro sociale, ma l’Amministrazione comunale ha cambiato idea decidendo di utilizzare l’immobile come esercizio per la somministrazione di alimenti e bevande. E adesso la minoranza consiliare vuole vederci chiaro. È quanto accade a Forza d’Agrò, dove il Consiglio comunale ha variato la destinazione d’uso dell’ex scuola elementare della frazione Scifì, ristrutturata lo scorso anno con un progetto di manutenzione e rifunzionalizzazione da 451mila 668 euro, coperto con 338mila 751 finanziati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, tramite la Città metropolitana, grazie al bando Periferie Urbane del 2016, mentre i restanti 112mila 917 euro (25%) sono stati cofinanziati dal Comune con un prestito di Cassa Depositi e Prestiti. L’obiettivo inserito nella proposta ammessa a finanziamento era la realizzazione di un centro sociale di aggregazione per i residenti della frazione, ma l’Amministrazione, alcuni mesi dopo l’ultimazione e senza che la struttura fosse stata mai aperta o utilizzata, ha deciso di destinarlo a bar o ristorante, ritenendo che “l’edificio della delegazione comunale soddisfa ampiamente la funzione di centro sociale e di aggregazione” e per avere “la possibilità di poterlo concedere in affitto a terzi al fine di ricevere un beneficio economico sotto forma di canone a favore del risicato bilancio comunale”, dando “un ulteriore servizio a favore della popolazione residente e anche per quella fluttuante”. 

I consiglieri di minoranza Melina Gentile, Giulietta Verzino e Federico Lombardo hanno presentato un’interrogazione al sindaco, al prefetto, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, alla Città metropolitana e alla Cassa Depositi e Prestiti, chiedendo se sia legale cambiare la destinazione d’uso, tra l’altro già modificata nel 2016 per poter chiedere il finanziamento. La convenzione firmata tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Città metropolitana prevede la revoca del finanziamento nel caso di utilizzo delle somme non coerenti con le finalità e le previsioni del progetto ammesso: in questo caso i lavori sono stati effettuati regolarmente ma non è stata assegnata alla struttura la destinazione prevista nella proposta, valutata tra l’altro con punteggi anche in base alla capacità di innescare un processo di rivitalizzazione economica, sociale e culturale del contesto urbano di riferimento.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.