Venerdì 24 Maggio 2024
Fondi per la sistemazione della Sp 63 e di un tratto comunale a monte della frazione


Forza d'Agrò, dalla Regione 820mila euro per la viabilità rurale nelle campagne di Scifì

di Andrea Rifatto | 04/02/2022 | ATTUALITÀ

825 Lettori unici

Il tratto iniziale della strada

Importante contributo a Forza d’Agrò per la viabilità rurale. La Regione siciliana ha infatti concesso un finanziamento da 819mila 134 euro per un intervento di ristrutturazione e ammodernamento della Strada provinciale agricola 63 della frazione Scifì e di un tratto comunale, arteria che sovrasta il paese e si ricongiunge poi a monte con la trazzera che collega con il centro dell’abitato. Il dirigente generale Mario Candone del Dipartimento regionale dello Sviluppo rurale e territoriale ha firmato il decreto che assegna le somme al Comune, che nel dicembre 2019 ha inviato la domanda partecipando ad un bando del Psr Sicilia 2014/2020-Sottomisura 4.3 per il sostegno degli per lo sviluppo, l’ammodernamento e l’adeguamento dell’agricoltura e della silvicoltura, rivolto nello specifico alla viabilità interaziendale e alle strade rurali per l’accesso ai terreni agricoli e forestali. Il progetto esecutivo, per un importo di 830mila 418 euro di cui 650mila 388 euro per lavori e 160mila 587 euro per somme a disposizione, è stato redatto dall’Ufficio tecnico comunale con la collaborazione di alcuni professionisti esterni, ossia l’architetto Massimo Stracuzzi per l’esecutivo, il geologo Carmelo Nicita per lo studio geologico e l’agronomo Giacomo Agostino Chillemi per la relazione agronomica, e poi approvato dalla Giunta e inviato all’Assessorato regionale Agricoltura e Sviluppo rurale. L’intervento prevede lavori su un tratto di circa 3 km con la sistemazione del piano viabile, la raccolta delle acque, la posa di protezioni laterali, la creazione di piazzole di sosta e l’installazione di segnaletica. Il progetto è munito di nulla osta e autorizzazioni da parte di Città metropolitana, Soprintendenza ai beni culturali e ambientali e Corpo Forestale ed entro 24 mesi dovrà essere realizzato, pena la revoca del finanziamento. Il via libera definitivo è arrivato dopo la visita preventiva effettuata il 5 novembre dai funzionari Calogero Campisi, Gaetano Gugliotta e Antonio Nicosia dell’Ispettorato dell’Agricoltura di Messina, che hanno espresso parere favorevole affinché fossero erogate le risorse; il 22 dicembre è poi arrivata la firma del patto d’integrità da parte del sindaco Bruno miliadò e del dirigente dei Dipartimento dello Sviluppo rurale Mario Ferraino


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.