Martedì 07 Dicembre 2021
Strutture dimenticate e assenza di manutenzione da parte del Comune e dei gestori


Forza d’Agrò, beni pubblici nel degrado tra erbacce e rischio incendi - FOTO

di Andrea Rifatto | 19/06/2020 | ATTUALITÀ

691 Lettori unici

L'ex colonia sommersa dalle erbacce

Regnano incuria e degrado all’ingresso di Forza d’Agrò nell’area dell’ex parco comunale e dell’ex colonia. Da tempo non viene effettuata la manutenzione del verde da parte del Comune né viene garantita la pulizia dei locali da chi ha ricevuto in affidamento la struttura di via Heros Cuzari, con rischi di natura igienico-sanitaria e di incendio. Erbacce ed arbusti infestanti avanzano inesorabilmente, a tal punto che gli alberi sono arrivati a lambire anche abitazioni e locali vicini con i rami ormai a pochi centimetri dalle proprietà. L’area dell’ex parco viene destinata a parcheggio a pagamento per le auto, prevalentemente nei mesi estivi quando aumentano le presenze in paese, ma da mesi nessuno si cura più di tenerla in ordine. I locali al piano superiore dell’ex colonia, invece, da fine 2014 sono affidati in comodato d’uso gratuito all’associazione “Orchidea”, che secondo quanto previsto dagli accordi ha l’obbligo di occuparsi della pulizia degli spazi interni ed esterni: sul terrazzo, però, da tempo le erbacce si sono insinuate fin dentro la pavimentazione e sono cresciuti perfino degli arbusti lungo il perimetro dell’edificio, dove non mancano anche vari oggetti accatastati tra cui pneumatici d’auto. Segno che la manutenzione, anche ordinaria, è carente da tempo. E pensare che lo stesso Comune, il 15 maggio, ha emanato un’ordinanza sulla prevenzione incendi e la pulitura dei fondi incolti, che obbliga i proprietari a provvedere al diserbo e alla pulizia dei terreni per evitare pericoli, dimenticandosi evidentemente di applicarla nelle proprie aree. Non resta che sperare che non si fermi l’azione dei volontari, tra cui diversi amministratori comunali, che in questi giorni hanno ripulito alcuni angoli di Forza d’Agrò, dimenticandone evidentemente altri.



COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.