Venerdì 26 Febbraio 2021
Lo scarico del depuratore comunale sversa nell’Agrò acque poco limpide


Forza d'Agrò. A Scifì reflui maleodoranti nel torrente – FOTO e VIDEO

di Andrea Rifatto | 28/07/2015 | ATTUALITÀ

1620 Lettori unici

La fuoriuscita di reflui nel torrente Agrò

Nonostante l’estate, il torrente Agrò non è a secco. A tenere un rivolo di liquidi ci pensa il comune di Forza d’Agrò, che scarica nel corso d’acqua i reflui in uscita dal depuratore della frazione Scifì, ubicato a poca distanza dal percorso ecologico e dalla strada che conduce all’abbazia del SS. Pietro e Paolo d’Agrò. Acque che, secondo quanto autorizzato dalla Regione, dovrebbero essere depurate, dopo il trattamento di tipo secondario (rimozione delle sostanze organiche sedimentabili e non sedimentabili contenute nel refluo) effettuato nel presidio di tipo biologico a servizio dei circa 300 residenti scifiesi, per poi essere rilasciate nella fiumara d'Agrò senza alcun impatto sull’ambiente. Ma gli odori e il colore non lasciano molto spazio alla fantasia: dalla condotta appoggiata sulla sponda destra del torrente, infatti, fuoriesce da tempo un liquido maleodorante e poco limpido, che scende poi verso valle formando laghetti putridi dove è ben visibile materiale sedimentario proveniente dal depuratore. Certamente uno spettacolo poco gradevole per i frequentatori del percorso e per i (pochi) turisti che si incamminano nel suggestivo(?) tracciato, che in corrispondenza del ponte in legno che conduce sulla sponda sinistra apre il cuore… e pure i polmoni. Già nel 2013 avevamo documentato come dal depuratore di Scifì fuoriuscissero spesso rivoli di fogna che si riversavano sulla strada, dove passa anche una condotta idrica: il Comune provvide poi a prolungare la tubazione per scaricare le acque depurate nell’Agrò. Nel marzo scorso la Giunta comunale guidata dal sindaco Fabio Di Cara ha stanziato 6mila euro per il controllo e la verifica del depuratore di Scifì, affidando l’incarico ad uno studio specializzato, motivando la decisione con la necessità di evitare inconvenienti igienico-sanitari. Che puntualmente si sono verificati. Quello della depurazione della frazione Scifì è un problema che ormai si trascina da decenni e che nessuna Amministrazione è riuscita a risolvere definitivamente. Fino al 2009 la frazione di Forza d’Agrò smaltiva attraverso delle fosse settiche che sversavano sul torrente Scifì, affluente dell’Agrò, mentre dal luglio 2010 è attivo un piccolo impianto di depurazione. In quell’occasione furono in molti a chiedere che il Comune valutasse la possibilità di consorziare il servizio con i paesi della riviera e utilizzare l’impianto di Santa Teresa, con cui è stato creato un consorzio insieme a Savoca e Sant’Alessio per la realizzazione di un unico presidio depurativo (adeguamento ed ampliamento dell'attuale depuratore di S. Teresa) a servizio delle relative reti fognarie. Ma non se ne fece nulla. E così proprio nel cuore di quello che dovrebbe diventare il nuovo parco ambientale dell’Agrò il depuratore di Scifì continua ad “innaffiare” la vegetazione.



COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.