Domenica 31 Maggio 2020
Approvato in Consiglio il regolamento per il riconoscimento delle convivenze


Forza d’Agrò, via libera al registro delle Unioni civili

di Redazione | 06/07/2016 | ATTUALITÀ

1652 Lettori unici

Il Consiglio comunale di Forza d'Agrò

Via libera dal Consiglio comunale di Forza d’Agrò al riconoscimento delle Unioni civili. Nell’ultima seduta è stato infatti approvato il Regolamento comunale che istituisce il registro delle Unioni civili, che consente anche alle coppie non sposate di fruire dei servizi comunali erogati alla cittadinanza, in uno spirito di massima integrazione che va favorito tramite l’attuazione di mirate politiche sociali, culturali ed economiche. L’iniziativa è stata promossa in Sicilia con la legge 6 del 2015, nata per combattere la discriminazione determinata dall’orientamento sessuale o dall’identità di genere tramite l’istituzione di un apposito registro presso le anagrafi comunali, con l’obiettivo di riconoscere ogni forma di convivenza e consentire ad ogni persona la libera espressione e manifestazione del proprio orientamento sessuale e della propria identità di genere. Un modo per riconoscere giuridicamente, con i connessi diritti e doveri, la condizione di stabile convivenza di una coppia, anche tra persone dello stesso sesso, come recentemente previsto dalla legge nazionale 76 del 20 maggio scorso. Forza d’Agrò ha quindi deciso di adeguarsi ai tempi adottando un apposito Regolamento per il riconoscimento delle coppie di fatto, votato in aula (assenti Fabiola Smiroldo e Stefano Speranza nel gruppo di maggioranza) con nove voti favorevoli e il solo voto contrario del consigliere di minoranza Carmelo Lombardo.

Il Regolamento del Comune di Forza d’Agrò riconosce come unione civile il rapporto tra due persone maggiorenni, di sesso diverso o dello stesso sesso, coabitanti e aventi dimora abituale nel comune, che non siano legate tra loro da vincoli giuridici ma solo da un vincolo affettivo, inteso come impegno alla reciproca assistenza morale e materiale. Le iscrizioni al registro avverranno sulla base di una domanda presentata congiuntamente dai due interessati e chi si iscriverà verrà equiparato al parente prossimo della persona con cui si è iscritto, ai fini della possibilità di assistenza. Su richiesta degli iscritti, il Comune potrà rilasciare un attestato di iscrizione per gli usi necessari al riconoscimento di diritti e benefici e gli Uffici verificheranno l’effettiva convivenza delle coppie. Nel comprensorio jonico il Registro delle Unioni civili è già attivo a Taormina e Sant’Alessio Siculo, mentre a Scaletta Zanclea il riconoscimento delle convivenze è stato inserito nello Statuto comunale.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.