Mercoledì 29 Novembre 2023
Il roccalumerese è membro del gruppo "Canterini della Riviera Jonica-Melino Romolo"


Folklore, Fabrizio Puliatti eletto presidente nazionale Cioff Giovani

02/04/2023 | ATTUALITÀ

1030 Lettori unici

Puliatti appresenterà l'Italia ai prossimi eventi internazionali

Prestigioso risultato per i “Canterini della Riviera Jonica-Melino Romolo” di Roccalumera. Fabrizio Puliatti, membro del gruppo folkloristico, è stato eletto presidente nazionale del Consiglio Internazionale Organizzazione Festival del Folklore Giovani, sezione dedicata ai membri di gruppi o festival del folklore tra i 18 e 30 anni. L’elezione è avvenuta nel corso della 40esima Assemblea generale della Sezione Cioff Italia, che vanta una prestigiosa partnership con l’Unesco e che raduna rappresentanti dei gruppi folklorici e organizzatori di rinomati festival da tutte le regioni italiane, svoltasi a Fiuggi. Alla plenaria hanno partecipato come ambasciatori della tradizione folklorica jonica i rappresentanti del gruppo Canterini della Riviera Jonica Melino Romolo, fondato nel 1965, e del Romolo Folk Fest, festival del folklore che dal 2018 si svolge durante il mese di settembre a Santa Teresa di Riva. L’elezione di Puliatti rappresenta motivo di grande orgoglio non solo per i Canterini e per tutta la comunità di Roccalumera, da breve insignita con il titolo di Città del Folklore, ma anche dell'intera riviera jonica messinese e della regione Sicilia. Il nuovo presidente rappresenterà l'Italia al prossimo Congresso mondiale 2023 che si svolgerà in Croazia e alla riunione Settore Europa del Sud 2023 in Portogallo. L’Assemblea ha riservato un momento per riflettere sulla necessità di coltivare le tradizioni culturali a livello nazionale ed internazionale attraverso la collaborazione tra i membri del collettivo. “Alla luce di ciò, si evidenzia l'importanza del folklore e delle tradizioni popolari come opportunità per scambi culturali - evidenziano I Canterini della Riviera Jonica - con lo scopo di promuovere e favorire l’incontro, la conoscenza reciproca e la fratellanza dei popoli, contribuendo a valorizzare e salvaguardare le culture, le tradizioni e le varie etnie europee ed intercontinentali. Il folklore non ha colori né confini, salva le radici e unisce le comunità”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.