Mercoledì 28 Settembre 2022
Figura di spicco nel borgo montano e nel comprensorio. Proclamato il lutto cittadino


Fiumedinisi, addio all’avvocato Carlo Nottola: fu sindaco e amministratore per 39 anni

di Redazione | 21/09/2022 | ATTUALITÀ

537 Lettori unici

Giovedì i funerali in paese

Fiumedinisi dice addio all’avvocato Carlo Nottola, figura di spicco e amministratore comunale di lungo corso, che si è spento ieri all’età di 91 anni a Messina. Fu vicesindaco dal 1959 al 1963, anno in cui divenne sindaco del centro montano a seguito delle dimissioni di Francesco Cicala, e rimase in carica per ben 22 anni, fino al 1985; poi fu presidente del Consiglio dal 1985 al 1990 e consigliere fino al 1998, prima con la Democrazia Cristiana e negli ultimi anni con il Centro Cristiano Democratico. I funerali si terranno giovedì 22, alle ore 16, nella chiesa Maria Santissima Annunziata di Fiumedinisi e la salma verrà tumulata nel cimitero cittadino. Oggi il sindaco Giovanni De Luca ha proclamato il lutto cittadino in occasione delle esequie, dalle 16 alle 18, per esprimere la vicinanza ai familiari e il cordoglio dell’intera comunità, “che unanime riconosce all’avvocato Carlo Nottola elevate qualità umane e di prestigio nello svolgimento della sua funzione di amministratore pubblico”, ordinando l’esposizione delle bandiere a mezz’asta negli edifici pubblici e invitando cittadini, associazioni e titolari di esercizi commerciali a manifestare il loro cordoglio con la sospensione delle attività durante il corso della cerimonia funebre. Nottola viveva tra Messina e Fiumedinisi, dove amava trascorrere parte del suo tempo, soprattutto in estate.

“È stato il sindaco più longevo della storia di Fiumedinisi - ricorda Giovanni De Luca - durante la sua amministrazione videro la luce le maggiori opere di urbanizzazione del paese, tra cui l'acquedotto comunale, la rete fognaria e le strade di collegamento esterne al centro abitato. Negli Anni Settanta, per quasi un decennio, fu presidente della Comunità montana, che comprendeva i Comuni della fascia jonica insieme alla città di Messina. Fu il primo sindaco della zona jonica ad operare assiduamente, tra l’altro, nel settore culturale - aggiunge l’attuale sindaco di Fiumedinisi - promuovendo il restauro del santuario Maria Santissima Annunziata e di diverse opere d’arte contenute al suo interno, l’istituzione della biblioteca comunale, la presentazione di libri e mostre d’arte”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.