Venerdì 23 Febbraio 2024
Il complesso turistico di Sant'Alessio è affidato al Tribunale già da fine 2018


Fallimento e tentativi di vendita andati a vuoto, finisce all’asta l’hotel Capo dei Greci

di Andrea Rifatto | 03/01/2022 | ATTUALITÀ

3917 Lettori unici

Una struttura che si estende su 42.700 mq

Finisce all’asta l’hotel Capo dei Greci di Sant’Alessio Siculo, imponente struttura ricettiva tra il mare e la collina al confine con Forza d’Agrò. Il curatore fallimentare Angelo Vitarelli, nominato dopo il fallimento sancito dal Tribunale di Messina nel dicembre 2018, è stato autorizzato dal giudice delegato Daniele Carlo Madia ad eseguire la vendita tramite asta online dell’intera azienda alberghiera, compresi arredi, beni strumentali e avviamento, e della partecipazione alla società “Magna Grecia Hotel Srl”, affittuaria dell’azienda ceduta già nel 2012 dalla Albazzurra Hotel & Resort Srl”, società proprietaria guidata dallavvocato Giuseppe Biondi di Biancavilla. La struttura si estende su 42.700 metri quadrati, con 196 camere distribuite su quattro edifici con varie tipologie (Classic, Superior, Deluxe e Junior Suite), due ristoranti, un anfiteatro, due bar, due campi da tennis, un centro benessere, un centro congressi da 550 posti e una piattaforma a ridosso della scogliera sul mare, collegata al complesso turistico con ascensori scavati nella roccia. Il prezzo base è stato fissato in 26,4 milioni di euro, con un rilancio minimo di 100mila euro e una cauzione del 10% del prezzo offerto. La componente immobiliare è stata valutata in 31 milioni, compresi beni strumentali per 679mila 936 euro, mentre l’avviamento è stato stimato in 1 milione. L’asta si aprirà il 10 gennaio e andrà avanti fino al 24 febbraio sulla piattaforma telematica www. gorealbid.it. 

Il fallimento è stato dichiarato a causa di un debito di 55 milioni di euro, dopo le istanze depositate dalla Banca Nazionale del Lavoro, dallAgenzia delle Entrate di Milano, dalla Achille Campione Srl di Giardini Naxos e da Franco Biondi: il solo debito ipotecario con Bnl ammontava ad oltre 47 milioni per via di un finanziamento da 28,6 milioni concesso nel 2009 alla Albazzurra Hotel & Resort”, in cambio di una garanzia ipotecaria sui beni per 48 milioni. La proprietà del Capo dei Greci era stata però ritenuta subito gravemente inadempiente dalle banche e nel 2013 aveva chiesto un concordato preventivo per sanare i debiti, dichiarato però risolto dal Tribunale al momento del fallimento visto il manato rispetto degli obblighi assunti. Lavvocato Biondi era stato nominato liquidatore per trovare un acquirente al prezzo di 45,8 milioni e nel 2014 si era recato anche in Qatar, insieme allallora presidente della Regione Rosario Crocetta, per presentare linvestimento alla famiglia reale. Ma non se ne fece nulla, così come sono falliti i successivi tentativi di vendita, lultimo nel 2018 con la società filippina Jones Jong Lasalle che dopo i primi contatti non ha ritenuto congruo il prezzo proposto. Tra i creditori iscritti alla massa passiva vi è anche il Comune di SantAlessio Siculo, che si è visto riconosciuto un credito complessivo di 1,7 milioni di euro per il mancato pagamento di imposte e tasse nel corso degli anni.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.