Venerdì 23 Febbraio 2024
Il punto della stagione, condizionata dalla pandemia, a S.Teresa a S. Alessio


Estate al giro di boa, il bilancio degli operatori turistici: non tutto sembra perduto

di Andrea Rifatto | 10/08/2020 | ATTUALITÀ

1913 Lettori unici

Cisto, Trovato, Tono e Foti

È un’estate segnata dalla pandemia quella che si sta vivendo nella riviera jonica, che oltre a condizionare la vita di residenti e vacanzieri sta incidendo profondamente sulle attività imprenditoriali, soprattutto quelle legate al settore turistico-ricettivo che puntavano tutto sulla stagione estiva ma che si devono adesso accontentare di rimanere sopra la linea di sopravvivenza. Al giro di boa dell’estate siamo andati a tracciare un primo bilancio con alcuni operatori di Santa Teresa e Sant’Alessio. “Ero già proiettato ad aprile 2021, pensavo di lavorare solo la settimana di Ferragosto, invece tutto sommato la stagione è per metà salva - ci dice Salvatore Cisto, titolare del bed and breakfast ‘MareAgrò’ - rispetto al 2019 ad aprile non ho lavorato, a maggio l’80% in meno, a giugno un meno 40-50% sceso al 30% a luglio, mentre ad agosto siamo sul 20% in meno di presenze. Gli ospiti sono per il 70% siciliani e per il resto persone che vivono fuori sede ma con origini locali. Adesso sono preoccupato per settembre e ottobre, periodo in cui lavoro con gli stranieri, principalmente tedeschi, che quest’anno non si sposteranno e già sono state cancellate alcune prenotazioni”. A poche centinaia di metri, spostandoci sulla spiaggia, facciamo visita al lido “Ondazzurra”: “C’è un calo del fatturato del 40% - spiega la titolare Maria Catena Trovato - lavoriamo principalmente sabato e domenica, giorni in cui la differenza quasi non si nota, con proprietari di seconde case, vacanzieri catanesi e al massimo ospiti che si fermano in paese una settimana; non ci sono turisti stranieri, che solitamente venivano a giugno, mese in cui quest’anno eravamo chiusi. Tra le misure di distanziamento sociale e l’erosione della spiaggia abbiamo 15 ombrelloni in meno - aggiunge - rimarremo aperti fino al 6 settembre e contiamo di lavorare in queste due settimane, anche se le condizioni meteo spesso negli ultimi giorni non sono state dalla nostra parte”. Anche la ristorazione risente dell’emergenza in atto: “Il paragone con il 2019 non si può fare - esordisce Giovanni Tono del ristorante ‘Aloha Mare’ - c’è un calo del 20-30% ma sta funzionando il turismo interno, anche perchè abbiamo fatto pubblicità fuori provincia. Siamo rimasti chiusi 82 giorni nel periodo in cui solitamente si lavora con banchetti e cerimonie e ne abbiamo risentito, adesso turisti da fuori non se ne vedono e sono loro che negli ultimi 3-4 anni hanno rappresentato il valore aggiunto, anche per tutto l’anno. Il fine settimana, in fondo, la differenza non si nota ma abbiamo comunque 30-40 posti in meno per le misure di distanziamento che non permettono di compensare il calo di fatturato”. A Sant’Alessio incontriamo il sindaco Giovanni Foti, che è anche albergatore, nel suo Elihotel: “Ho il 90% in meno di ospiti e solo il 10% delle camere occupate, tutte da siciliani - fa subito presente - non ci sono stranieri, noi lavoravamo molto con tedeschi e russi, soprattutto in bassa stagione, ma le frontiere sono chiuse e sono arrivate molte disdette. A Sant’Alessio diverse strutture ricettive non hanno neanche aperto - fa presente - noi non ce la siamo sentita di non riaprire, abbiamo personale che lavora qui da 20 anni ma abbiamo tenuto chiuso il ristorante interno, perchè i costi si coprono a stento. A Sant’Alessio la situazione è migliore negli appartamenti e nelle seconde case, dove vi sono molte presenze: adesso speriamo che lo Stato sospenda il pagamento dell’Imu e ristori i mancati introiti ai Comuni, altrimenti sarà dura”. Tutti, dunque, spera no in qualche modo di recuperare quanto è mancato fin qui in queste settimane a cavallo di Ferragosto, poi bisognerà già pensare al 2021.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.