Sabato 27 Novembre 2021
Attivato il Centro operativo di Protezione civile. Servono interventi urgenti


Esonda di nuovo il torrente Pagliara: campagne allagate e scatta l'emergenza

di Andrea Rifatto | 25/11/2018 | ATTUALITÀ

1910 Lettori unici

Il torrente esondato

Nuova esondazione del torrente Pagliara nella mattinata di oggi. Il corso d’acqua ha rotto gli argini in contrada Terranova-Canalello, sotto l’abitato di Pagliara, nello stesso punto dove già l’8 novembre le acque erano fuoriuscite dall’alveo, riversandosi negli agrumeti e nei terreni adiacenti. “Il torrente con le piogge di questa notte si è ingrossato ma questa volta la situazione è ancora più grave e con aggravio di danni – spiega il sindaco Sebastiano Gugliotta – abbiamo attivato il Centro operativo comunale di Protezione civile e stiamo cercando di arginare l'evento”. Insieme al sindaco vi è l’esperto comunale di Protezione civile Stefano Morales, che ha diramato l’allarme a tutti gli enti competenti, con gli altri amministratori, i tecnici comunali e i vigili urbani Sul torrente è intervenuto il mezzo meccanico del Comune per tentare di ricostruire l’argine in terra e si è reso necessario anche l'intervento di una ditta del luogo, vista la gravità dell’esondazione. Il rischio è che il torrente Pagliara in piena provochi danni al campo da calcio e cosa ancora più grave all’impianto di sollevamento del sistema fognario, con la conseguenza che i liquami si riverserebbero nel torrente andando ad inquinare i pozzi dell’acqua che servono Roccalumera. Dopo l'esondazione dell'8 novembre la Regione siciliana ha stanziato 260mila euro per interventi di risagomatura del torrente, che dovrebbero iniziare nelle prossime settimane; venerdì il rischio di esondazione del corso d'acqua sia a Pagliara ma anche a valle, all'altezza di Furci, è stato evidenziato nel corso di un incontro in Prefettura. L'ulteriore avvenimento di oggi testimonia come non si possano più attendere i tempi della burocrazia per tutelare l'incolumità delle popolazioni.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.