Mercoledì 25 Novembre 2020
L'illustre virologo statunitense è stato insignito del premio speciale 'Uberto Bonino'


Il prof. Robert Gallo a Messina: "Ebola letale come nessun altro virus"

14/10/2014 | ATTUALITÀ

2076 Lettori unici | Commenti 1

Il prof. Robert Gallo riceve il premio da Morgante e Navarra

Il prof. Robert Gallo, immunologo e virologo statunitense, è stato insignito oggi nell’aula magna dell’Università degli Studi di Messina del premio speciale “Uberto Bonino”. Il prestigioso riconoscimento è stato consegnato all’illustre ospite dal dott. Lino Morgante, consigliere di amministrazione della Fondazione Bonino Pulejo e dal rettore dell’ateneo, prof. Pietro Navarra, per “il notevole contributo dato alla ricerca sulle proteine virali e sui retrovirus”.
Nel corso della cerimonia, svoltasi nell’aula magna e organizzata dalla Fondazione Bonino Pulejo e dal nostro Ateneo, il prof. Gallo, direttore dell’Istituto di Virologia Umana dell’Università del Maryland, noto soprattutto per aver scoperto nel 1983 il virus HIV di tipo 1, ha tenuto una conferenza su “A journey with blood cells and viruses”, un tema di particolare attualità, vista la grande rilevanza in questo momento delle notizie relative alla diffusione del virus Ebola.
“La pericolosità di un virus - ha spiegato il prof. Gallo - dipende da quello che si intende, se ci si riferisce alla facilità di trasmissione  ne esistono  molti più pericolosi di Ebola, ma se si pensa alla capacità di uccidere il paziente infetto, allora al momento non esistono virus più pericolosi di questo, certamente lo sarebbe ancora di più se si potesse trasmettere per via aerea. L’ HIV ed Ebola – ha continuato il virologo - hanno in comune il fatto di essere due virus provenienti dall’Africa, ma la differenza sta nel fatto che negli anni scorsi dell’HIV non sapevamo nulla, era un virus completamente sconosciuto mentre di Ebola si sa tutto e si può approntare qualunque test e qualunque terapia perchè ne conosciamo ogni singola parte”.
Alla Conferenza sono intervenuti, inoltre, il prof. Guido Ferlazzo, ordinario di Patologia Generale presso l’Università Messina, che ha moderato l’incontro; il prof. Arnaldo Caruso, ordinario di Microbiologia e Microbiologia Clinica all’Università di Brescia, che si è soffermato sulla carriera del prof. Gallo e sulle ricerche relative ai virus; il prof. Letterio Bonina, Ordinario di Microbiologia e Microbiologia Clinica presso l’ateneo peloritano, che ha voluto ricordare l’antico legame con il prof. Gallo, conosciuto sin dal 1978 quando grazie ad una borsa di studio messa a disposizione dalla Fondazione Bonino Pulejo potè recarsi negli Stati Uniti per approfondire i suoi studi.

Più informazioni: ebola  robert gallo  


COMMENTI

remo bettini | il 15/10/2014 alle 23:56:20

caro Prof.quello che lei afferma credo lo conoscano tutti.....ci spieghi invece da dove nasce e come si propaga(dato che si conosce tutto di ebola,come lei afferma),onorerebbe il suo giuramento ad Ippocrate,grazie,si e perche no,un sorriso

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.