Venerdì 21 Settembre 2018
Fondi Ue 2014-2020 per la zona jonica. Irricevibili o inammissibili 14 istanze


Dissesto idrogeologico, 18 progetti per 38 milioni ammissibili a finanziamento

di Andrea Rifatto | 30/06/2018 | ATTUALITÀ

2945 Lettori unici | Commenti 1

Diciotto progetti per un totale di 38 milioni di euro, presentati da 12 comuni jonici, sono stati giudicati ammissibili a finanziamento dall’Assessorato regionale al Territorio e Ambiente per l’accesso ai fondi Po Fesr Sicilia 2014-2020 Asse 5, Azione 5.1.1 A “Interventi di messa in sicurezza e per l’aumento della resilienza dei territori più esposti a rischio idrogeologico e di erosione costiera”. Al termine dell’istruttoria sono stati stilati gli elenchi delle istanze ammissibili, non ricevibili o non ammissibili, quest’ultimo completo di motivazione sintetica delle cause di esclusione. A disposizione vi sono 155 milioni di euro ma le richieste dei Comuni ammontano a 372 milioni. Adesso si passerà alla valutazione tecnico-finanziaria per la redazione delle graduatorie di merito. Giudicati irricevibili 8 progetti di 6 Comuni, per un totale di 22 milioni di euro, a causa di errori o carenze dell’invio della documentazione, mentre sono stati giudicati inammissibili ed esclusi definitivamente 6 progetti per 15 milioni di euro, di cui due del Comune di Nizza e quattro di S. Teresa.


Gli ammissibili a finanziamento
:

- Pagliara: lavori di sistemazione idraulica via Vallone Piazza a salvaguardia del centro abitato, 1,5 milioni

- Scaletta Zanclea: Lavori di messa in sicurezza della sponda sud del torrente Saponara 1 milione 118mila; completamento dei lavori di protezione dal sovrastante costone dell’abitato della frazione Divieto della Ss 114, 1 milione 541mila

- Roccalumera: lavori di recupero delle fiumare di Allume e Sciglio-bonifica dei margini-completamento torrente Sciglio 4 milioni 350mila

- Castelmola; progetto definitivo relativo ai lavori di consolidamento dell'abitato di Castelmola nei tratti "Castello lato sud e Sottoporta, 2 milioni

- Letojanni: riqualificazione e recupero ambientale dei torrenti Papale (2,8 milioni), Andreana (2,4 milioni) e Sillemi (2 milioni 275mila), sistemazione idraulica del torrente Leto, 3 milioni;

- Mongiuffi Melia: lavori di consolidamento del pendio in frana a protezione geomorfologica ed idrogeologica dell'abitato di via Tevere, 1 milione 137mila

- Gallodoro: lavori di consolidamento del versante sovrastante la via di accesso e di fuga del centro abitato, 1 milione 260mila

- Alì Terme: lavori di sistemazione idraulica del torrente Alì a difesa dell'abitato di Alì Terme, 2 milioni 130mila; consolidamento a protezione del quartiere Davì e della relativa viabilità di collegamento con la S.S.114, 1 milione 357mila; consolidamento a protezione del centro abitato e della Sp 28 in località Ariella, 1 milione 600mila

- Forza d’Agrò: progetto di consolidamento sotto il castello a protezione del centro abitato, 1 milione 550mila

- S. Teresa di Riva: consolidamento della frazione Misserio, 1 milione 646mila

- Savoca: consolidamento e messa in sicurezza del centro abitato-area monte Calvario, 1,4 milioni

- Fiumedinisi: lavori di ripristino delle difese spondali del torrente Fiumedinisi-Contrada Fontana Armi-completamento, 4,5 milioni


Istanze irricevibili

- Sant'Alessio:, lavori urgenti di consolidamento e regimentazione della acque a difesa del fenomeno franoso che coinvolge la Sp 16, fabbricati di Mastroquartuccio e complesso S. Alessio Village, 1 milione 485mila (assenza del provvedimento amministrativo dell’Ente richiedente di approvazione del progetto)

- Scaletta: messa in sicurezza e ricostruzione di Capo Scaletta, ricostruzione della spiaggia, 4 milioni 650mila (mancato inoltro dell'atto di nomina del rup, mancata presentazione dei documenti da allegare alla domanda attestanti l'ammissibilità generale, mancato riscontro al soccorso istruttorio del 6/04/2018); consolidamento costone roccioso sovrastante Scaletta marina in prossimità del torrente Racinazzi, 2,1 milioni (mancato riscontro alla richiesta ritrasmissione su supporto informatico della documentazione firmata digitalmente e con la relativa marca temporale risalente alla data dell'invio del plico, non consultabile a causa di problemi di lettura di 2 file)

- Furci: lavori urgenti di bonifica e arginatura del torrente Fondacalasi a difesa del centro abitato e della frazione Calcare, 1 milione 445mila (mancato rispetto dei termini previsti per la richiesta di validazione dell'intervento da parte della Regione)

- Casalvecchio: mitigazione rischio idrogeologico centro storico, 2,4 milioni (mancata presentazione della dichiarazione di aver preso visione e di accettazione dello schema di convenzione, mancato inoltro dell'atto di nomina del rup, mancata protocollazione della domanda alla data di presentazione della stessa, mancato riscontro al soccorso istruttorio del 27/02/2018); mitigazione rischio idrogeologico frazione Rimiti, 1 milione 285mila (mancata presentazione del provvedimento di approvazione amministrativa del progetto e della dichiarazione di aver preso visione e di accettazione dello schema di convenzione, mancata protocollazione della domanda alla data di presentazione della stessa, mancata presentazione dei documenti da allegare alla domanda attestanti l'ammissibilità, mancato riscontro al soccorso istruttorio del 20/04/2018)

- Graniti: completamento consolidamento a valle dell’abitato, 2 milioni 713mila (assenza del provvedimento amministrativo dell’ente richiedente di approvazione del progetto, mancanza dell'atto di nomina del rup, mancata presentazione dei documenti attestanti gli elementi di ammissibilità generale)

- Letojanni, consolidamento c.da Sillemi a monte della autostrada A18 e del depuratore, 7 milioni (mancata presentazione di una dichiarazione, mancata trasmissione dell'autocertificazione circa l'insussistenza di condizioni ostative)


Istanze inammissibili

- Nizza, completamento sottopasso torrente Landro (mediante scatolare) 1 milione 350mila (mancata validazione dell'intervento da parte della Regione); realizzazione canale di gronda in zona Terreforti, 568mila (mancata validazione dell'intervento da parte della Regione)

- S. Teresa: intervento di difesa, stabilizzazione e riqualificazione della costa, 5 milioni (l’operazione non rientra tra gli interventi ammissibili); sistemazione idrogeologica torrente Agrò 1 milione 280mila (mancata validazione dell'intervento da parte della Regione); realizzazione canale di gronda a Candidati, 1 milione 345mila (l’operazione non rientra tra gli interventi ammissibili) ; sistemazione idrogeologica torrente Savoca-completamento 5 milioni 442mila (l’operazione non rientra tra gli interventi ammissibili).


COMMENTI

massimo | il 30/06/2018 alle 15:10:54

Grandissimi i nostri amministratori , si continua nella speculazione di questi progetto, senza dare un futuro migliore al nostro territorio , viva i finanziamenti e chi se li mangia .

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.