Giovedì 29 Ottobre 2020
Progetto di Savoca, S. Alessio e Casalvecchio per puntare ai fondi del Psr Sicilia


Degrado e abbandono, tre Comuni provano a salvare i corridoi ecologici dell'Agrò

di Andrea Rifatto | 15/10/2017 | ATTUALITÀ

1906 Lettori unici

L'ingresso del corridoio ecologico a Sant'Alessio

Troppi anni di abbandono, con strutture distrutte e scarsamente fruibili. Adesso tre comuni provano a sistemare e riqualificare i corridoi ecologici Val d’Agrò, opera realizzata nel 2007 lungo il torrente Agrò tra Sant’Alessio e Forza d’Agrò  (sponda destra) e S. Teresa e Casalvecchio (sponda sinistra) grazie a un finanziamento di quasi 4 milioni di euro, intercettando un finanziamento regionale a valere sulla programmazione 2014/2020. L’accordo è stato siglato nei giorni scorsi da Savoca (capofila) Casalvecchio e Sant’Alessio, che hanno approvato un protocollo di intesa per partecipare al bando Psr Sicilia-sottomisura 7.5 “Sostegno a investimenti di fruizione pubblica in infrastrutture ricreative, informazioni turistiche e infrastrutture turistiche su piccola scala”, che assegna contributi fino all’importo di 200mila euro. Il progetto, che prevede la riqualificazione e la sistemazione di sentieri e itinerari ricadenti nel territorio di competenza dei centri, è stato elaborato dal Comune di Savoca, che l’ha inserito nel Piano triennale delle Opere pubbliche: le tre amministrazioni hanno concordato di assumere un impegno di spesa di 500 euro ciascuno per fare fronte ai costi di redazione degli elaborati e partecipazione al bando.

Oltre alle tre municipalità, sono stati coinvolti il Distaccamento del Corpo forestale savocese, l’Istituto comprensivo e l’Istituto superiore “Caminiti-Trimarchi” di S. Teresa, le parrocchie di San Francesco di Paola, Casalvecchio e S. Alessio, che parteciperanno alla pianificazione delle attività che sarà possibile effettuare lungo i corridoi ecologici, in una sinergia tra amministrazioni, scuole, chiese ed altri enti in modo da rendere funzionali a vari usi le strutture esistenti. Tra queste le due cavee a S. Alessio e Casalvecchio, mai pienamente sfruttate anche per motivi di inagibilità, e i ponti in legno che collegano le due sponde a valle e a monte del percorso, che necessitano di manutenzione urgente visto il pessimo stato di conservazione. Ciò che è mancato in questi anni è stata infatti la gestione e manutenzione dell’opera, di competenza dei comuni ma effettuata solo di rado e anche da altri enti, tra cui l’Unione dei Comuni Valli Joniche dei Peloritani.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.