Lunedì 15 Aprile 2024
Chiuso anche un plesso di S. Teresa. Situazione in lieve miglioramento in alcuni centri


Covid-19, positivi in aumento a Fiumedinisi e Nizza: i sindaci chiudono tutte le scuole

di Redazione | 25/04/2021 | ATTUALITÀ

3477 Lettori unici

Il posto di controllo all'ingresso di Fiumedinisi

Due comuni con i contagi in crescita, in tutti gli altri la curva sta scendendo. È in sintesi la situazione epidemiologica nella zona jonica e nella valle dell’Alcantara secondo gli ultimi dati forniti oggi dall’Ufficio del commissario per l’emergenza Covid-19. L’attenzione è puntata in particolare su Fiumedinisi, come zona rossa da ieri e fino al 5 maggio: i cittadini positivi sono almeno 77, di cui 60 confermati dall’Asp con tampone molecolare e altri 17 risultati contagiati al test antigienico rapido e in attesa di conferma, ma potrebbero salire nel corso di tutta la prossima settimana: in paese sono complessivamente 185 le persone in isolamento o quarantena. L’ingresso della cittadina sulla Strada provinciale 27 è presidiato con un posto di controllo fisso dove si alternano Polizia municipale, Protezione civile, Esercito e Polizia di Stato, mentre Carabinieri e Polizia metropolitana effettuano la sorveglianza dinamica per le vie del paese e le contrade. Oggi il sindaco Giovanni De Luca ha firmato un’ordinanza con la quale ha disposto la proroga della sospensione delle attività didattiche in presenza nella scuola secondaria di primo grado fino a mercoledì 5 maggio 2021: il provvedimento è stato adottato, sentita la dirigente dell'Istituto Comprensivo Alì Terme, a seguito dell'importante innalzamento del numero dei contagi da Covid-19 verificatosi nell'ultima settimana, molti dei quali potenzialmente connessi ai casi di positività del plesso "San Domenico Savio", che ha portato anche all'istituzione della zona rossa nel territorio comunale. Per le scuole dell'Infanzia e Primaria prorogata la didattica a distanza.

A Nizza di Sicilia confermati 23 casi che potrebbero salire a 44 in attesa degli esiti di altri 21 test: il sindaco Piero Briguglio ha deciso di chiudere le scuole cittadine dell'Infanzia e della Primaria da domani, lunedì 26, vista la positività di uno studente del plesso "San Giovanni Bosco" e dei suoi familiari, mentre non è ancora pervenuto il risultato del tampone effettuato su un alunno della "San Giuseppe". Anche il municipio rimarrà chiuso da domani e l'accesso sarà garantito solo per comprovate ed urgenti esigenze. A Santa Teresa di Riva gli attuali positivi sono scesi a 11 (-3): domani rimarrà chiusa a scopo precauzionale, per effettuare la sanificazione dei locali, la scuola di Barracca, come stabilito dal sindaco Danilo Lo Giudice con un’ordinanza firmata oggi dopo che la dirigente della Direzione didattica ha comunicato la positività al Covid di un alunno. A Furci Siculo 12 positivi, 8 a Scaletta Zanclea e 7 Itala; 6 i positivi a Forza d’Agrò, 4 ad Alì Terme, 3 i casi a Sant’Alessio Siculo, 2 a Mandanici e a Roccalumera, dove domani non si terrà il mercato settimanale. Un solo positivo ad Antillo, Alì e Savoca, come quest’ultimo dove da parecchio tempo non si registravano casi. A Giardini Naxos i positivi al Covid-19 sono 68 (-7), a Taormina restano 61 casi e altri 3 a Castelmola. Nella valle dell’Alcantara 38 casi a Francavilla di Sicilia (-5), 24 a Gaggi, 9 a Mojo, 3 a Malvagna, 2 a Graniti, 2 a Roccella Valdemone e 1 a Motta Camastra.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.