Giovedì 02 Aprile 2020
La Regione lavora per altri 500 posti di terapia intensiva. Ordinanza di Musumeci


Coronavirus, "Prevediamo tra 4.500 e 7.000 contagi in Sicilia". Mille posti negli alberghi

di Redazione | 24/03/2020 | ATTUALITÀ

967 Lettori unici

L'assessore Razza e il presidente Musumeci

Sono quasi 40 mila le persone rientrate in Sicilia, che si sono registrate nella piattaforma della Regione. A fornire il dato è l'assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, intervenendo a 'Storie italiane' su Raiuno. "Purtroppo - aggiunge - non tutti si sono auto-segnalate. E mi fa rabbia, perché molti contagi che stiamo registrando ora sono causati da chi rientra". In Sicilia, stima Razza, la previsione di contaminazioni da Covid-19 si attesta su una forbice tra 4.500 e i 7.000 contagi. "Noi per prudenza ci stiamo attestando sul dato massimo - spiega l'assessore - quindi stiamo lavorando a ulteriori 500 posti di terapia intensiva". Intanto stamattina la Protezione civile ha consegnato altri 13 ventilatori alla Sicilia.

Almeno mille posti letto, distribuiti nelle province dell’Isola e ricavati dall’utilizzo di alberghi, residence, saranno riservati dalla Regione Siciliana a persone obbligate all’isolamento. Saranno pazienti positivi al Coronavirus, ma che non hanno necessità di ricovero in strutture ospedaliere. Entro ventiquattro ore sarà fornito alle Aziende sanitarie provinciali l'elenco delle strutture che hanno manifestato la propria disponibilità ad accogliere tali soggetti. Subito dopo, le Asp dovranno disporne una adeguata sistemazione. Lo prevede una nuova ordinanza firmata dal presidente Nello Musumeci per far fronte all'emergenza provocata dal Covid 19. Aziende sanitarie e strutture alberghiere, che dovranno mettere a disposizione centinaia di camere da sanificare preventivamente, sottoscriveranno una convenzione che prevede, tra l'altro, il pagamento di un importo massimo a carico dell'amministrazione di trenta euro al giorno, in relazione alla classificazione in stelle della struttura. “Ne stiamo cercando almeno una in ogni territorio provinciale per essere pronti - sottolinea il governatore siciliano - a un possibile picco dei contagi che richieda di tenere in isolamento i soggetti risultati positivi, ma che non presentano particolari sintomi. Abbiamo allertato le organizzazioni di categoria e contiamo su adeguate risposte all’avviso pubblico del dipartimento Salute. Voglio dire anche - sottolinea Musumeci - che l’Agenzia nazionale per i beni confiscati ci ha messo subito a disposizione due strutture alberghiere, a Palermo e nel Trapanese, che contiamo di utilizzare. Un bel segnale di collaborazione istituzionale e un grazie al prefetto Bruno Frattasi per la disponibilità. In questo momento nulla può essere lasciato al caso e l'impegno di tutti diventa fondamentale per venirne fuori”.

Più informazioni: coronavirus  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.