Mercoledì 07 Dicembre 2022
Voucher spesa e assegni civici contro l'emergenza in un bacino di 58mila abitanti


Coronavirus, il Distretto socio-sanitario eroga 254mila euro per le famiglie di 24 comuni

di Andrea Rifatto | 22/04/2020 | ATTUALITÀ

1297 Lettori unici

Prevista anche l'erogazione di buoni spesa

Arriva un importante aiuto dal Distretto socio-sanitario di Taormina per le famiglie del comprensorio jonico in difficoltà in questo periodo di emergenza da Coronavirus. Con due determine è stata infatti stanziata la somma di 254mila 600 euro che sarà distribuita ai 24 comuni del Distretto D32, per un totale di 58.516 abitanti, affinché venga utilizzati per le famiglie in condizione di disagio economico per le quali va attivato un intervento di integrazione al reddito familiare. Il Piano triennale del Distretto si sviluppa in particolare attraverso due interventi: Assegno civico contrasto alla povertà e Fondo di solidarietà sociale (Fss): nel primo caso sono stati stanziati 117mila 440 euro, nel secondo 137mila 200. L'assegno civico prevede l'inserimento dei cittadini nel settore lavorativo attraverso la predisposizione di un progetto individualizzato al fine di stimolare le potenzialità lavorative di soggetti in situazioni di disagio sociale e personale, che vivono al di sotto della soglia di povertà, superando la logica assistenzialistica e promuovendo la dignità della persona svantaggiata per consentire al cittadino di intraprendere un percorso di inclusione sociale e di autonomia personale. Le attività lavorative saranno avviate nei Comuni di residenza dei soggetti disagiati appartenenti al Distretto D32 per la durata di 3 mesi e per un impegno di 20 ore settimanali a fronte di una retribuzione mensile di 400 euro. Il Fondo di solidarietà sociale prevede invece l’erogazione di 343 voucher con un valore unitario per singolo nucleo familiare: la somma sarà determinata secondo i componenti e comunque per un importo massimo di 400 euro per ogni scheda anagrafica della famiglia/singolo, per l’acquisto di beni di prima necessità (alimenti, prodotti farmaceutici, prodotti per l'igiene personale e domestica, bombole del gas) per contrastare l'attuale emergenza. Ai Comuni è demandata l'adozione di tutti gli adempimenti necessari per dare attuazione ai progetti, tramite la pubblicazione di avvisi per raccogliere le istanze, e la gestione degli interventi di integrazione al reddito familiare, con l'obbligo di rendicontare al Distretto le risorse utilizzate.

LE SOMME STANZIATE PER I 24 COMUNI 

ASSEGNO CIVICO 
Antillo 1.350 euro, Casalvecchio 1.350, Castelmola 2.700 euro, Cesarò 5.400, Forza d’Agrò 1.350, Francavilla 8.100, Gaggi 6.750, Gallodoro 1.350, Giardini Naxos 17.550, Graniti 2.700, Letojanni 5.400, Limina 1.350, Malvagna 1.350, Mojo Alcantara 1.350, Mongiuffi Melia 1.350, Motta Camastra 1.350, Roccafiorita 1.350, Roccella Valdemone 1.350, Santa Domenica Vittoria 1.350, Sant’Alessio Siculo 4.050, Santa Teresa di Riva 18.900, San Teodoro 4.050, Savoca 4.050, Taormina 21.590 euro.

FONDO DI SOLIDARIETÀ’ SOCIALE
Antillo 2.400 euro, Casalvecchio 2.000, Castelmola 2.400, Cesarò 6.000, Forza d’Agrò 2.000, Francavilla 9.200, Gaggi 7.200, Gallodoro 800, Giardini Naxos 21.600, Graniti 3.600, Letojanni 6.400, Limina 2.000, Malvagna 2.000, Mojo Alcantara 1.600, Mongiuffi Melia 1.600, Motta Camastra 2.000, Roccafiorita 400, Roccella Valdemone 1.600, Santa Domenica Vittoria 2.800, Sant’Alessio Siculo 4.000, Santa Teresa di Riva 21.600, San Teodoro 4.000, Savoca 4.000, Taormina 26.000.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.