Mercoledì 01 Dicembre 2021
La terza ondata colpisce l'intero comprensorio. Gli attuali positivi nei comuni


Coronavirus, Fiumedinisi e Nizza verso la zona rossa. Crescono i contagi a Giardini Naxos

di Andrea Rifatto | 20/04/2021 | ATTUALITÀ

4868 Lettori unici

La terza ondata nella riviera jonica è in fase ascendente. Gli ultimi dati che arrivano da diversi comuni fanno segnare un aumento della curva dei contagi e in qualche centro potrebbe essere istituita la zona rossa. La situazione più critica si registra nelle ultime ore nella valle del Nisi. A Fiumedinisi attualmente sono 17 i cittadini positivi al Covid-19, a cui si aggiungono altri 5 casi di persone risultate positive a seguito di test antigenico rapido e in attesa di esito o di effettuazione del tampone molecolare da parte dell’Asp. Rispetto all'ultimo aggiornamento del 13 aprile, si registrano 2 persone guarite e 12 nuovi positivi, che portano a 60 il numero totale delle persone risultate contagiate dal Coronavirus da inizio emergenza. Attualmente vi sono 47 cittadini posti in regime di isolamento (positivi al virus) o quarantena (contatti stretti) obbligatoria domiciliare, suddivisi in 12 nuclei familiari. Tutte le persone attualmente positive al virus si trovano presso la propria abitazione e non presentano sintomi di particolare rilevanza. Il sindaco Giovanni De Luca ha spiegato che il repentino aumento registrato nell'ultima settimana in buona parte è dovuto ai contagi verificatisi all’interno del plesso scolastico “San Domenico Savio” ad inizio della scorsa settimana: in considerazione dei dati accertati negli ultimi sette giorni, il primo cittadino ha già avviato i contatti con l'Asp per l'eventuale richiesta alla Presidenza della Regione di istituzione della zona rossa nel territorio comunale, visto che è già stata superata la soglia cumulativa settimanale di 250 contagi ogni 100.000 abitanti. Domani, mercoledì, 21, a partire dalle ore 10, l’Usca di Roccalumera effettuerà uno screening per la popolazione residente o domiciliata con l’esecuzione di tamponi antigienici rapidi in modalità drive-in lungo la via di fuga esterna al centro abitato: già oltre 200 i prenotati. Situazione delicata anche a Nizza di Sicilia: secondo gli ultimi dati diffusi oggi pomeriggio dall’Ufficio del commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, i positivi in paese sono 13, ma il Comune ritiene possano presto divenire 24 visto che si attende la conferma di altri casi: anche in questo centro la soglia settimanale sarebbe stata superata visto che negli ultimi sette giorni sono stati 12 i casi computati dall’Asp, dunque oltre la soglia di 9-10 casi prevista dal Dpcm in proporzione alla popolazione residente. Il sindaco Piero Briguglio è in contatto con le autorità sanitarie per verificare se vi siano i requisiti per poter chiedere alla Regione di rendere il territorio nizzardo zona rossa.

Il primo comune jonico per numero di contagi rimane Giardini Naxos, dove gli attuali positivi sono saliti a 83 (+4 rispetto a ieri): il territorio comunale rimane zona rossa fino a mercoledì prossimo, 28 aprile. Aumento dei casi anche a Taormina, dove i contagiati sono adesso 68 (+3), mentre a Castelmola restano 3 i positivi. Torna Covid-free Letojanni, dove non risultano più contagi. Scendendo nella classifica troviamo Santa Teresa di Riva, dove gli attuali positivi al Covid sono a 22 (di cui 3 domiciliati), con un lieve calo rispetto ai giorni scorsi. A Furci Siculo i casi salgono a 12 (+1), a Scaletta Zanclea sono 10 gli attuali contagiati, mentre a Itala diminuiscono a 9 (-4): nei prossimi giorni è previsto uno screening drive-in con tamponi antigienici rapidi sulla popolazione con prenotazione obbligatoria entro le 11 di giovedì 22 al numero 090-9596721 oppure alla mail segreteria@comunescalettazanclea.it (per Scaletta) e al numero 090-9596124 (per Itala). Sempre 8 i positivi a Forza d’Agrò (di cui 4 domiciliati), 4 i casi a Sant’Alessio Siculo, 3 a Mandanici, 3 a Roccalumera e due ad Alì Terme. Un solo positivo ad Antillo. Giovedì 22 aprile, nel campo sportivo di Roccalumera, si terrà uno screening con test rapidi per i residenti o domiciliati ad Alì Terme e Nizza: le prenotazioni potranno essere effettuate entro mercoledì 21 ai numeri 0942-7101539 (per Alì Terme) e 0942-7100324 (per Nizza).

Nella valle dell’Alcantara è sempre Francavilla di Sicilia il comune con il maggior numero di contagi: secondo gli ultimi dati dell’Asp sono 54 i positivi in paese (uno domiciliato), che rimane zona rossa. A Gaggi, dove domenica sono stati eseguiti 600 tamponi rapidi, tutti con esito negativo ad eccezione di una sola positività, i casi sono scesi a 29; poi 12 a Mojo Alcantara (domenica è deceduta al Policlinico una 80enne), 5 a Malvagna, 3 a Graniti, uno a Roccella Valdemone e uno a Motta Camastra.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.