Giovedì 25 Luglio 2024
Contributi erogati su richiesta dei sacerdoti per far fronte alle spese sostenute


Contrasto alla pandemia, il Comune di S. Teresa concede 10mila euro alle parrocchie

di Redazione | 12/08/2021 | ATTUALITÀ

1102 Lettori unici

Un intervento di sanificazione

Contributi economici per quasi diecimila euro sono stati erogati in queste settimane dall’Amministrazione comunale di Santa Teresa di Riva alle parrocchie che ricadono sul territorio cittadino. La Giunta guidata dal sindaco Danilo Lo Giudice ha infatti accolto tutte le richieste giunte in municipio dai sacerdoti Ettore Sentimentale, Alessandro De Gregorio e Agostino Giacalone, che reggono le quattro comunità parrocchiali, e su proposta dell’assessore Annalisa Miano hanno concesso le somme. Gli aiuti economici sono stati accordati come aiuti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19, in quanto i parroci hanno fatto presente di aver messo in atto, nel corso dei mesi passati, numerosi interventi di sanificazione degli ambienti e di adeguamento alle disposizioni governative, al fine di garantire lo svolgimento in sicurezza delle attività parrocchiali: dunque è stato chiesto un sostegno economico per far fronte alle spese sostenute allo scopo di garantire la continuità delle attività e degli interventi a tutela dell’intera comunità. Il Comune ha riconosciuto che il servizio prestato dalle parrocchie ha costituito un prezioso supporto e un aiuto concreto a favore della cittadinanza e ha concesso un contribuito di 2.000 euro a testa alle parrocchie Madonna del Carmelo, Sacra Famiglia, Madonna di Portosalvo e San Vito Martire (frazione Misserio), mentre 1.000 sono stati destinati sempre a San Vito ma per la chiesa Santa Maria delle Grazie situata nella borgata Fautarì. La Giunta santateresina ha inoltre erogato un contributo di 500 euro all’associazione “Madonna del Carmelo Aps”, che ha chiesto un aiuto per organizzare il Grest estivo-Minipalio in occasione della festa patronale di fine luglio, facendo presente come all’iniziativa vi sia stata la partecipazione attiva di numerosi giovani santateresini impegnati in attività ludico-ricreative come occasione di forte aggregazione e impatto sociale, la cui organizzazione e coordinamento ha comportato un notevole impegno sia di risorse umane che finanziarie da parte degli organizzatori. Gli amministratori comunali hanno riconosciuto l’interesse pubblico della manifestazione e in questo caso hanno stabilito l’obbligo di rendicontare le spese affrontate.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.