Venerdì 29 Maggio 2020
Conferme e new entry nel circuito nazionale. Nulla di fatto per le miss siciliane


Comuni Fioriti, ecco i premi per i paesi jonici: primo fiore per Casalvecchio

di Redazione | 18/11/2018 | ATTUALITÀ

1048 Lettori unici

L'assessore Russo (seconda da dx) con altri amministratori

Conferme e new entry per i paesi jonici che hanno partecipato alla premiazione nazionale dei Comuni Fioriti d’Italia, tenutasi a Bologna. La Sicilia quest’anno si è presentata alla kermesse con una rosa di venti Comuni che al di là delle singole valutazioni ottenute, rappresentano comunque una novità di approccio a un modello di accoglienza turistica approntata in primo luogo sulla cura e fioritura dei territori. La zona jonica messinese era presente con Castelmola, Gallodoro, Forza d’Agrò e Roccafiorita, comuni già da qualche anno inseriti nel circuito, a cui si è aggiunto adesso Casalvecchio. Una volontà ben evidente nei tanti amministratori e sindaci siciliani che hanno raggiunto la cerimonia di Bologna, traendo nel confronto con gli esempi di altre località d’Italia, stimoli e accresci motivazioni per fare di più e meglio. La valutazione dei comuni fioriti avviene attraverso l’attribuzione di un cartello riportante il numero di “fiori rossi”, variabili da uno a quattro, in funzione alla quantità di fioriture verificate nei mesi estivi da una giuria: conferma dei 3 fiori per Forza d’Agrò; lunga la lista con 2 fiori per i comuni di Castelmola, Gallodoro, Roccafiorita; 1 fiore per Casalvecchio, presente alla premiazione con l’assessore Marcella Russo e la presidente del Consiglio comunale Emanuela Triolo. L'assessore Russo, invitata sul palco a ritirare il riconoscimento, ha promosso il territorio casalvetino e ha omaggiato il presidente dell'Asproflor consegnando una piccola miniatura dell'abbazia dei Santi Pietro e Paolo d’Agrò, auspicando che in futuro si possa organizzare una manifestazione florovivaistica nel nostro comprensorio: “Una bella esperienza che ci permette di capire quanto sia importante abbellire il proprio territorio per una migliore accoglienza dal punto di vista turistico – commenta l’assessore – peccato per la Miss, che anche se non è arrivata sul podio ha rappresentato degnamente il comune di Casalvecchio”.

In Sicilia arriva anche la targa FederUnacoma assegnata in condivisione con Eima al Comune Fiorito che spicca per la presenza di un'agricoltura intensiva meccanizzata e avanzata: quest’anno è stata assegnata alla Città del Vino ossia Castiglione di Sicilia (Catania). Targa speciale per il progetto “orto di carta” della pettinese Francesca Cuva, e targa con premio di 500 euro in fioriture per l’orto fiorito realizzato nel Convento Cappuccini dalle Sorelle minori di San Francesco. Nulla, di fatto, per le sei concorrenti siciliane al concorso attinente di Miss Comuni Fioriti, le sei ragazze Giusy Tuccio, Giorgia Trimarchi (Casalvecchio), Veronica Zito, Maddalena Brunetto (Forza d'Agrò), Mariachiara Sidoti e Francesca Cuva hanno comunque ben rappresentato i loro paesi. Stesso vale per l’uscente Miss Comuni Fioriti 2017 Roberta Bongiorno, presente a Bologna per il cambio di fascia e dove ha ottenuto elogi e ringraziamenti per un anno di grande dedizione al circuito dei comuni fioriti, portando lustro al suo comune di origine, Gangi, come all’intera Sicilia. Significativo e molto applaudito il messaggio dell’assessore Regionale al Turismo Sandro Pappalardo, portato sul palco dal vicepresidente e responsabile Asproflor per la Sicilia Michele Isgrò che dal canto suo ha ringraziato tutti i sindaci aderenti al progetto e quelli presenti a Bologna.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.