Mercoledì 03 Marzo 2021
Prima diffusione dei dati Istat 2018 e 2019. Migliora il livello di istruzione


Censimento, Sicilia sempre più vecchia e meno popolata: i primati di Roccafiorita e Limina

di Redazione | 23/02/2021 | ATTUALITÀ

1523 Lettori unici

Roccafiorita e sullo sfondo Limina

Diminuisce la popolazione autoctona e il numero degli occupati, aumentano gli stranieri e i laureati, si dimezzano gli analfabeti ma aumenta l’invecchiamento. Le donne sono in maggioranza, ma rimane alto il “gender gap” nel lavoro rispetto alla media nazionale. È la “fotografia” scattata da Istat che, nel corso del 2018 e del 2019, ha svolto le prime due rilevazioni del Censimento permanente della popolazione. La popolazione censita in Sicilia al 31 dicembre 2019 ammonta a 4.875.290 unità, con una riduzione di 33.258 abitanti (-6,8 per mille) rispetto all’anno precedente e di 127.614 abitanti (-3,2 per mille in media ogni anno) rispetto al Censimento 2011. In merito al 2011 i residenti diminuiscono in tutte le province, con l’eccezione di Ragusa. La riduzione è maggiore a Enna (-9,9 per mille in media annua) mentre a Messina gli abitanti sono passati da 649.824 a 613.887: la provincia peloritana conta un saldo negativo di 54mila abitanti rispetto al 1951 (tasso medio annuo -1,2‰) e di 36mila rispetto al 2011 (-7,1‰ tasso medio annuo). Quasi la metà dei residenti vive nelle province di Palermo e Catania, dove la densità abitativa è pressoché stabile nell’arco di otto anni con valori più elevati nel catanese (244 abitanti per km2 a Palermo e 300 abitanti per km2 a Catania). Non mancano due “primati” per la zona jonica messinese: il comune più piccolo si conferma Roccafiorita con 187 abitanti, mentre quello più popoloso è Palermo con 647 mila abitanti, mentre Limina è il comune più vecchio, visto che l’età media è pari a 52,3 anni, in contrapposizione a Camporotondo Etneo, in provincia di Catania, con una età media di 36,9 anni. La provincia di Messina è quella con la più elevata età media, sia degli stranieri (36,7 anni) sia degli italiani (46 anni); sempre Messina si caratterizza per il valore più elevato dell’indice di vecchiaia (40,7) e più basso del rapporto di mascolinità (87,4). La struttura per genere della popolazione residente si caratterizza per una maggiore presenza di donne, sono 2.504.348, il 51,4% del totale.

L’ammontare della popolazione straniera è pari a 189.713 unità e rispetto al 2011 si registra una crescita di 64.698 individui. Analizzando le tendenze demografiche dell’ultimo anno, però, si registra un incremento di soli 2.170 stranieri (+1,2%), a fronte di una contrazione nell’Isola della componente di cittadinanza italiana di ben 35.428 unità. Tra il 2011 e il 2019 il livello dell’istruzione è migliorato, in linea al livello nazionale. Da una parte la riduzione degli analfabeti (-47,6% a fronte del -42,5% a livello nazionale) dall’altra l’incremento dei laureati di primo livello (+40,7% contro il +49,6% della media Italia). Aumentano, di poco, i laureati di secondo livello (+15,7% a fronte del +18,3% a livello nazionale) e i dottori di ricerca (+4,7%, nettamente inferiore al +41,4% della media Italia). Si registra uno squilibrio di genere dove le donne che hanno un’istruzione secondaria sono il 51,6% sia in Sicilia che in Italia. Tra gli analfabeti e gli alfabeti privi di titolo di studio: nel primo caso il 53,8% sono donne mentre nel secondo caso il 58,6%. Per la sola licenza elementare le donne sono il 57,3% in Sicilia, il 58,5% in Italia. La percentuale di persone con il diploma di scuola secondaria di secondo grado o qualifica professionale è pari al 31,5% nella regione (35,6% in Italia), e a livello provinciale presenta il valore più alto a Messina, con il 34,7%. Al 31 dicembre 2019, le forze di lavoro sono quasi 2 milioni, 79 mila più rispetto al 2011 (+4,1%). L’incremento è dovuto alla crescita delle persone in cerca di occupazione (+22,9%), soprattutto fra gli uomini (+25,5%). In calo, invece, il numero degli occupati. Nel 2019 sono 1,5 milioni: quasi 16 mila in meno rispetto al precedente censimento (-1,1%). Le differenze sono più marcate per la componente femminile, con un tasso di occupazione (25,3%) di 12 punti più basso della media nazionale e un tasso di disoccupazione (30,1%) che supera di 15 punti il corrispondente valore nazionale. Nonostante l’incremento della partecipazione delle donne siciliane al mercato del lavoro, lo squilibrio di genere permane e assume valori più ampi rispetto alla media nazionale.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.