Sabato 30 Maggio 2020
Intervento contro il dissesto atteso da 10 anni e finanziato dal Patto per il Sud


Casalvecchio, in gara il consolidamento della zona est per 1,6 milioni

02/04/2020 | ATTUALITÀ

851 Lettori unici

Un edificio lesionato dal dissesto

Si avvicina l’avvio degli interventi di messa in sicurezza della zona est dell’abitato di Casalvecchio Siculo, attesi da oltre dieci anni. L’Ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci e diretto da Maurizio Croce, ha pubblicato la gara per affidare i lavori per il consolidamento dell’intera area, a valle dell’ex scuola media, per un importo d 1 milione 642mila 026 euro, grazie ad un finanziamento da 2 milioni 585mila 049 euro ottenuto dall’Amministrazione del sindaco Marco Saetti a valere sui fondi del Patto per il sud.Un’opera che restituirà al paese la piena e sicura fruibilità del suo centro abitato, con i suoi numerosi edifici, le attività produttive e la sede del municipio. I movimenti franosi, che negli anni si sono registrati, hanno infatti causato lesioni in alcuni muri di contenimento della strada comunale e in diverse abitazioni, oltre a una serie di fessurazioni del manto stradale, sia della Provinciale 19 sia di via Sant’Onofrio, dalle quali si accede alla cittadina. I lavori di consolidamento consentiranno non solo la stabilizzazione dell’intera area, ma anche l’utilizzo degli spazi disponibili, non ultimo quello del plesso scolastico. Quella attuale è una situazione a dir poco critica se si considera che le acque superficiali hanno eroso parte del pendio provocando lo smottamento dei terreni. Tra le misure tecniche previste, la demolizione parziale di un tratto di muro di contenimento della strada comunale e la collocazione di una paratia di pali che, nella sua parte superiore, terminerà con un cordolo in cemento armato. Sarà realizzata, infine, una condotta per il deflusso delle acque piovane, convogliandole nell’impluvio naturale a valle. Le imprese potranno presentare le offerte entro il 20 aprile: i lavori, una volta affidati, dureranno un anno. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.