Lunedì 23 Maggio 2022
L'evento dopo la traversata in mare. Il piccolo e la mamma, di nazionalità nigeriana, stanno bene


Canale di Sicilia: ecco Femminau, nato sulla nave della Guardia Costiera

04/09/2015 | ATTUALITÀ

1785 Lettori unici

Un lungo viaggio nel deserto, la traversata tra le onde, la paura di non farcela, poi il primo vagito del piccolo Femminau. È il nome che una mamma di nazionalità nigeriana ha dato al proprio figlio venuto alla luce ieri pomeriggio in circostanze davvero eccezionali a bordo di una motovedetta della Guardia Costiera, a circa 80 miglia, infatti, a sud di Lampedusa. La donna era a bordo di un gommone con più di 100 migranti a bordo, recuperati sull’unità del Corpo, e appena salita sull’imbarcazione di soccorso ha dato alla luce il proprio figlio, con l’assistenza sanitaria del personale medico del Cisom. La madre ed il neonato sono stati successivamente trasferiti a bordo di un elicottero del 118 presso il reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale “Cannizzaro” di Catania, dove i medici hanno constatato le ottime condizioni di salute di entrambi. Nella mattinata di oggi, il Capitano di Corvetta Fabrizio Colombo, il 2° Capo Giovanni Catanzaro e il Comune di 2ª classe Martina Busso, tutti in servizio presso la Capitaneria di Porto di Catania, hanno fatto visita alla neo mamma per porgerle le felicitazioni della Guardia Costiera, donandole un bouquet di fiori. Il fratello della giovane nigeriana, residente in Germania, è stato informato della nascita di Femminau e potrà adesso comunicarla agli altri familiari nel paese d’origine.

 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.