Domenica 03 Marzo 2024
A due anni dal crollo sull'A18 manifestazione ironica contro le istituzioni


"Buon compleanno frana": a Letojanni festa amara in diretta nazionale - VIDEO e FOTO

di Andrea Rifatto | 05/10/2017 | ATTUALITÀ

3517 Lettori unici

La "festa" in diretta nazionale con la torta di compleanno

“Buon compleanno frana!”. Era il 5 ottobre 2015 fa quando alle prime luci dell’alba duemila metri cubi di terra e massi precipitavano sull’autostrada A18 Messina-Catania all’altezza di Letojanni, invadendo totalmente la carreggiata in direzione della città etnea. Oggi, a distanza di due anni, gli utenti e i cittadini hanno “festeggiato” l’amara ricorrenza al Polifunzionale di Letojanni con tanto di torta con raffigurato lo smottamento, dal sapore ironico, per esprimere tutta l’amarezza perché a distanza di 24 mesi non è stato rimosso neanche un granello di sabbia e si continua a rischiare la vita ogni giorno lungo un’arteria trafficata e in pessime condizioni, dove si paga un pedaggio. A organizzare la manifestazione Stefano Costantino e Francesco Puglisi, responsabili dei due gruppi Facebook “A18 e A20 le autostrade siciliane della vergogna” (11.188 membri) e “Maxi protesta per le condizioni A18” (1.911). La “festa” è stata seguita anche in diretta nazionale su La 7 nel corso del programma “L’aria che tira” condotto da Myrta Merlino, che si è collegata dagli studi di Roma con l’inviato a Letojanni Gianmaria Pica, che ha spiegato il problema e raccolto le testimonianze degli organizzatori e del sindaco di Letojanni Alessandro Costa. Al Polifunzionale anche una troupe della Tgr. Tra le proteste, manifestate dai circa 50 presenti con cartelli con la scritta “vergogna”, i partecipanti alla ricorrenza hanno intonato un ironico “tanti auguri”, nella speranza che presto si muova qualcosa. A Letojanni è giunto anche il presidente di Confconsumatori Sicilia, Carmelo Calì, che ha marzo ha diffidato il Cas a mettere in sicurezza la Messina-Catania. 

“Festeggiamo un compleanno amaro – ha detto il sindaco Costa – la gente è indignata e non vede risposta dalla istituzioni. Da un anno ci sono 10 milioni a disposizione e non riesce ad avere un progetto cantierabile per rimuovere la frana. Bisogna smetterla di piangerci addosso e tirare fuori il solito luogo comune che al Nord i lavori di fanno e qui no, è necessario far partire subito i lavori o saremo costretti a dover festeggiare altri compleanni come questo. Senza contare che Letojanni rischia ulteriori danni alla Statale 114 e al paese e che quando partirà il cantiere probabilmente sarà necessario chiudere l’A18. Costa, tra l'altro, è indagato insieme al dirigente dell'Ufficio tecnico e ad altre otto persone, tra cui dirigenti del Consorzio per le autostrade siciliane e proprietari di immobili, perchè accusato di non aver predisposto sulla collina franata, dobe tra gli Anni '70 e '80 sono stati costruiti complessi edilizi, gli interventi necessari ad evitare il disastro. "All'epoca non ero certamente amministratore ma ormai essere sindaco sta diventando reato" - ha aggiunto provocatoriamente Costa. Puglisi e Costantino hanno ricordato come neanche durante il G7 si siano risolti i problemi dell’autostrada, in quanto i rattoppi sono stati eseguiti solo nella tratta da Catania a Taormina. "Evidentemente Cristo si è fermato a Taormina" - ironizza la conduttrice Myrta Merlino. Ieri il Cas ha annunciato che entro il 18 ottobre sarà pronto il progetto esecutivo per mettere in sicurezza la collina di Letojanni e realizzare la galleria paramassi, ma i lavori non inizieranno prima del 2018.



COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.