Martedì 23 Luglio 2024
Previsionali in ritardo rispetto alla scadenza. In cinque casi via libera già in giunta


Bilanci 2024-2026 non approvati, la Regione commissaria 12 Comuni jonici

di Andrea Rifatto | 16/06/2024 | ATTUALITÀ

1296 Lettori unici

Il termine ultimo era il 15 marzo

Nominati i commissari ad acta in dodici comuni del comprensorio jonico e della valle dell’Alcantara che non hanno ancora approvato il bilancio di previsione 2024/2026, nonostante la scadenza del 15 marzo. L’assessore delle Autonomie locali e della Funzione pubblica, Andrea Messina, ha firmato il decreto che affida l’incarico ai funzionari che dovranno provvedere a far adottare lo strumento di programmazione economica essenziale per autorizzare le spese degli enti locali. Un intervento sostitutivo necessario e obbligatorio da parte della Regione, dal momento che l’approvazione del bilancio preventivo in Consiglio comunale consente ai Comuni di programmare le attività e i servizi da offrire ai propri cittadini nel triennio. Il provvedimento commissaria i centri di Fiumedinisi (Domenico Mastrolembo Ventura), Forza d’Agrò (Mario Teresi), Francavilla di Sicilia (Mario Teresi), Furci Siculo (Mario Teresi), Limina (Mario Teresi), Mandanici (Mario Teresi), Mongiuffi Melia (Filippa d’Amato), Motta Camastra (Filippa d’Amato), Pagliara (Filippa d’Amato), Roccella Valdemone (Filippa d’Amato), Sant’Alessio Siculo (Antonella Panzeca) e Scaletta Zanclea (Antonella Panzeca). 

In alcuni casi lo strumento contabile è già stato approvato dalla giunta comunale (Scaletta Zanclea il 30 aprile, Sant’Alessio Siculo il 10 maggio, Limina il 13 maggio, Furci Siculo il 16 maggio e Fiumedinisi il 13 giugno) e dunque il passaggio in Consiglio sarà questione di giorni. Già con circolare del 27 marzo l’Assessorato aveva invitato gli enti a comunicare gli estremi di approvazione del bilancio di previsione 2024/2026, con l'avvertenza che la mancanza di notizie entro il termine di legge avrebbe determinato una presunzione di inadempienza e conseguente attivazione della procedura sostitutiva. I funzionari nominati dalla Regione svolgeranno preliminarmente le necessarie funzioni di impulso e di sollecitazione per l'approvazione dei bilanci di previsione, sostituendosi se necessario, per l'esercizio dei relativi poteri, agli organi inadempienti. Nel caso in cui dovesse risultare già convocato il Consiglio con all'ordine del giorno l'approvazione del documento finanziario, il commissario ad acta formulerà un apposito invito per l'adozione dell'atto finanziario entro 30 giorni, avvisando circa le conseguenze della mancata adozione dell'atto nel termine assegnato.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.