Venerdì 17 Settembre 2021
I due sindaci evidenziano i rischi in caso di chiusura della passerella sull'Agrò


"Aree di servizio A18 come via di fuga": S. Teresa e S. Alessio scrivono al prefetto

di Andrea Rifatto | 12/10/2018 | ATTUALITÀ

2254 Lettori unici | Commenti 1

L'accesso all'area Barracca Est

Utilizzare le aree di servizio dell’autostrada A18 come “vie di fuga” per i mezzi di emergenza in caso di chiusura della passerella sul torrente Agrò. Lo chiedono i sindaci di S. Teresa e S. Alessio, Danilo Lo Giudice e Giovanni Foti, con una nota congiunta inviata al prefetto (e per conoscenza ad Anas e Cas) affinché solleciti Anas e Cas, ciascuno per le proprie competenze, per consentire l’accesso all’A18 ai mezzi di soccorso (ambulanze, Vigili del fuoco, Protezione civile) dalle due aree di servizio “Barracca” alla periferia sud di S. Teresa, anche attraverso un patto di sicurezza urbana. “La passerella è di tipo sommergibile e soggetta a chiusura in caso di forti piogge e conseguente innalzamento del livello dell’acqua – scrivono Lo Giudice e Foti – anche in considerazione che l’area in questione è inserita nel Pai come sito di interesse per la sicurezza idraulica. In caso di eventi atmosferici di particolare intensità con la chiusura della passerella verrebbe interdetto completamente il transito sulla Statale 114 tra i comuni di S. Teresa e S. Alessio anche ai mezzi di soccorso, proprio nel momento del loro bisogno”. Dunque i due amministratori, “onde scongiurare danni alle persone in caso di ritardato soccorso”, chiedono al prefetto la possibilità di utilizzare le aree di servizio (quella in direzione Catania è chiusa da alcuni anni) collegate con S. Teresa sia lato monte, con via Scorsonello, che lato mare con il quartiere Bolina. “Sia S. Teresa che i comuni della valle d’Agro insieme a S. Alessio potrebbero avere una importante via per i mezzi di emergenza per accedere all’autostrada in caso di necessità – ha detto Lo Giudice – e contiamo di trovare disponibilità da parte del Cas insieme anche ad Anas così come anche al prefetto, che ha ritenuto valida la proposta durante l’incontro tenutosi lunedì in Prefettura. Ho interessato della questione l’assessore regionale alle infrastrutture, Marco Falcone, il quale ha manifestato ampia disponibilità”.


COMMENTI

Pippo Sturiale | il 12/10/2018 alle 17:22:10

... e un abitante di S. Alessio come ci arriva all'area di servizio se la passerella è sommersa !??

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.