Martedì 16 Luglio 2024
Paratore scrive ai vertici di Poste chiedendo il ripristino integrale del servizio


Antillo, disagi all'ufficio postale, protesta il sindaco: "Cittadini furiosi e stremati"

di Redazione | 31/01/2021 | ATTUALITÀ

1487 Lettori unici

Il sindaco Davide Paratore

Troppi disagi ad Antillo a causa della riduzione del servizio garantito da Poste Italiane nell’ufficio del piccolo centro. A denunciarli è il sindaco Davide Paratore, che ha inviato una lettera di protesta al ministro dello Sviluppo Economico, alla Direzione nazionale di Poste Italiane, al responsabile del settore “Piccoli Comuni", alla Direzione regionale dell’azienda e per conoscenza al prefetto di Messina. Le criticità sono causate dalla riduzione dei giorni di apertura (tre volte la settimana) stabilita dallo scorso marzo da Poste: nonostante le interlocuzioni tra il sindaco e il responsabile regionale Enti Istituzionali di Poste sul ripristino della regolare apertura giornaliera dell’ufficio postale, infatti, ad oggi le cose non sono cambiate. “Ritengo opportuno e doveroso ribadire, per l’ennesima volta, che il servizio, essendo espletato soltanto su tre giorni settimanali, risulta insufficiente a fronte delle richieste numerose, incessanti e pressanti dell’utenza cittadina - scrive Paratore - al riguardo è necessario evidenziare le lunghissime attese degli utenti (a volte raggiungono anche le due ore) prima di ottenere il servizio e in questo contesto di emergenza pandemica si palesa anche un massiccio assembramento di persone, in un sito esterno e pubblico molto ristretto, con gravissimo pericolo di contagio. Inoltre, è alquanto pregiudizievole, specie in questo periodo, l’attesa al freddo e sotto la pioggia, con l’inevitabile rischio di contrarre malattie proprie della stagione invernale”. Paratore evidenzia come la cittadinanza, peraltro composta per la maggior parte da persone di età avanzata e dimostratasi, fin ora, molto paziente, cominci a mostrare evidenti segni di inquietudine e agitazione e, sebbene assicurata dall’Amministrazione circa la rapida normalizzazione del servizio, non ha più fiducia e certezze. “Il tutto anche alla luce delle notizie provenienti dai comuni viciniori dove il servizio, inizialmente ridotto, è stato ripristinato a fronte delle vibrate proteste provenienti dagli amministratori locali - prosegue il sindaco di Antillo - e sul punto tengo a precisare che anche il sottoscritto si è fatto parte attiva delle iniziative intraprese nel comprensorio di riferimento, sottoscrivendo una lettera di contestazione per il disservizio e i disagi arrecati alle collettività amministrate. Ne consegue che è francamente inaccettabile il contegno omissivo assunto da Poste Italiane in merito al disservizio e ai disagi arrecati alla mia cittadinanza. Le proteste quotidianamente esternate dai cittadini, ormai stremati da questa inammissibile situazione, non sono sfociate in più allarmanti manifestazioni di intolleranza grazie alla diligenza e disponibilità dimostrate dalla direttrice dell'ufficio postale che, con grande senso di professionalità, si adopera con tutte le proprie risorse affinché gli inevitabili disagi vengano in qualche modo attenuati”. Paratore chiede quindi che i vertici di Poste Italiane “provvedano, con immediatezza, a ripristinare la quotidiana apertura dell’ufficio postale di Antillo, al fine di dare riscontro alle legittime richieste dei cittadini, nonché a scongiurare possibili dimostrazioni, da parte degli stessi, tali da ingenerare ulteriori malcontenti e malumori”. L'Amministrazione comunale si dice pronta ad avviare anche una raccolta firme per sollecitare Poste a ripristinare per intero il servizio.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.