Lunedì 15 Aprile 2024
Nuovo incontro ma scartata la proposta dell'Amministrazione. Si attende la sentenza


Antennopoli di S. Teresa, soluzione lontana tra Comune e Iliad. Il Cga dice no al rinvio

di Andrea Rifatto | 28/06/2023 | ATTUALITÀ

853 Lettori unici

L'area del Polifunzionale

Non c’è ancora un accordo per risolvere, quantomeno a metà, la vicenda delle stazioni radio base Iliad installate a Santa Teresa di Riva e oggetto di uno scontro giudiziario tra il Comune e la società telefonica, che si è aggiudicata il primo round al Tar di Catania con l’annullamento dei provvedimenti di revoca dei permessi di costruire, ottenuti con il silenzio-assenso lo scorso ottobre. Lunedì in municipio si è tenuto il secondo incontro tra i rappresentanti di Iliad, il sindaco Danilo Lo Giudice, i tecnici e i funzionari comunali, dopo un primo confronto avvenuto il 28 maggio, ma la soluzione prospettata in quell’occasione, ossia lo spostamento dell’antenna da via Monsignor Celona al Polifunzionale sulla strada panoramica, struttura di proprietà comunale, è stata giudicata inattuabile da Iliad in quanto il sito è troppo distante da quello scelto inizialmente e dove è già stata issata la torre. Dunque il Comune ha proposto altre due zone nelle vicinanze, che potrebbero ricadere tra l’ex discarica e il cimitero, e la società di telecomunicazioni ha chiesto altro tempo per fare le proprie valutazioni tecniche. La data del prossimo incontro non è stata fissata e non vi sono quindi certezze sui tempi di riposta e soprattutto su quale sarà l’esito della vicenda. 

Procede, intanto, il contenzioso al Cga di Palermo, dopo l’appello presentato dal Comune di Santa Teresa di Riva contro la sentenza del Tar etneo: l’1 giugno l’ente aveva ottenuto il rinvio al 22 e nell’udienza di giovedì scorso ha chiesto un’ulteriore slittamento della discussione del ricorso, ma i giudici della Prima Sezione hanno deciso invece di discutere il caso e si attende adesso l’esito dell’appello, che potrebbe arrivare nei prossimi giorni chiudendo la vicenda dal punto di vista giudiziario. L’alternativa in discussione, tra l’altro, riguarda solo la stazione radio base di via Celona, a poche centinaia di metri dal centro del paese, mentre sul tavolo non vi è alcuna proposta per l’altro impianto, quello installato il via Scorsonello, all’estremità sud del paese al confine con Savoca, anch’esso oggetto di ricorso amministrativo e che in caso di verdetto favorevole a Iliad rimarrà sicuramente in quel sito.

Più informazioni: antenne iliad  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.