Mercoledì 03 Giugno 2020
Le consigliere Di Blasi e Vittiglio hanno presentato una nuova interrogazione


Alì Terme, spiaggia off limits per i disabili: "Il sindaco dia risposte"

di Gianluca Santisi | 30/06/2016 | ATTUALITÀ

2179 Lettori unici

L'arenile aliese: mancano le pedane per i disabili

La spiaggia di Alì Terme rimane senza possibilità di accesso per i disabili. A nulla, fino a questo momento, è valsa l'interrogazione presentata mesi fa dalle consigliere Agata Di Blasi e Teresa Vittiglio, rimasta, tra l'altro, senza risposta. Una situazione che ha spinto le due esponenti di minoranza a presentare una nuova richiesta di chiarimenti al sindaco Giuseppe Marino. “La mancata risposta alla presente interrogazione – hanno evidenziato Di Blasi e Vittiglio – e quindi la reiterazione di questo suo illegittimo ed ingiustificato comportamento ci vedrà costrette a rivolgerci alle autorità competenti per la tutela dei diritti delle minoranze consiliari”. La vicenda prende spunto dalla forte mareggiata del novembre 2015, quando i marosi spazzarono via ciò che rimaneva delle vecchie pedane che consentivano l'accesso dei portatori di handicap all'arenile. Nell'occasione, Vittiglio e Di Blasi presentarono un'interrogazione al sindaco Marino chiedendo chiarimenti sulla mancata rimozione delle pedane per consentire il loro riposizionamento alla successiva stagione estiva, quali provvedimenti intendesse adottare l'Amministrazione e quali iniziative di verifica, controllo e indirizzo porre in essere per evitare in futuro il ripetersi di tali episodi di incuria, scarsa attenzione per il sociale e spreco di denaro pubblico. 

“L'interrogazione – scrivono adesso le due esponenti -, insieme a tante altre legittimamente presentate dalle sottoscritte su diverse tematiche, è rimasta senza alcuna risposta e ciò in palese violazione dell'art. 43 del Tuel e dell'art. 25 del Regolamento del Consiglio comunale del Comune di Alì Terme. Tale ingiustificato comportamento, oltre a configurare violazione della succitata normativa, denota una mancanza di rispetto dei consiglieri comunali, ma soprattutto dell'intera cittadinanza, la quale presenta le proprie istanze per mezzo dei consiglieri eletti, senza tuttavia trovare alcuna risposta né considerazione da parte dell'Amministrazione”. Vittiglio e Di Blasi sottolineano che ad “oggi sulla nostra spiaggia non vi sono percorsi idonei a garantire il passaggio di quanti hanno problemi di deambulazione e devono ricorrere all'ausilio di carrozzelle e alcuni diversamente abili, per poter accedere, devono ricorrere all'aiuto dei bagnanti presenti mentre altri, meno fortunati, sono costretti loro malgrado a rinunciarvi”. Nella nuova interrogazione chiedono dunque al sindaco di Alì Terme "quali sono i motivi della mancata risposta alla precedente richiesta, per quali motivi non si è proceduto per tempo ad adeguare la spiaggia alle esigenze dei diversamente abili, così come previsto dalla normativa vigente, e se non ritiene che l'attuale situazione sia lesiva della dignità e della sensibilità di quanti sono impossibilitati a raggiungere la spiaggia in autonomia e sicurezza oltre che un danno di immagine per il paese".


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.