Domenica 05 Febbraio 2023
Fondi dell'Ufficio contro il dissesto idrogeologico anche per realizzare le opere


Alì, appaltata la progettazione dei lavori per consolidare il quartiere franato nel 2018

di Andrea Rifatto | 04/04/2022 | ATTUALITÀ

642 Lettori unici

La zona franata a causa del maltempo

Ad oltre tre anni di distanza c’è un primo passo per l’eliminazione di una situazione di dissesto nel comune di Alì. L’Ufficio contro il dissesto idrogeologico della Regione siciliana ha infatti affidato oggi l’appalto per la progettazione dei lavori di consolidamento della zona in frana a valle dell’ex casa comunale, nel quartiere Ariella, dove durante il maltempo del novembre 2018 è crollata una parte del muro di contenimento della piazza Santissimo Rosario. Ad aggiudicarsi l’incarico, che riguarda indagini geologiche e geotecniche, progettazione definitiva ed esecutiva, coordinamento della sicurezza e direzione lavori, è stato il raggruppamento temporaneo di professionisti costituito dalla “Artec Associati Srl” di Taormina, dal geologo Fabio Nicita e dall’ingegnere Daniele Spina, che ha offerto un ribasso del 47,1607% sulla base d’asta di 163mila 107 euro, ottenendo così l’incarico per una spesa di 86mila 185 euro superando gli altri 27 soggetti partecipanti. La progettazione delle opere è stata finanziata con lo scorso anno dalla Regione con un contributo di 216mila 372 euro e nel Patto per il Sud sono state inserite anche le somme per l’esecuzione dei lavori, per un totale di 2 milioni 013mila 205 euro. Durante il maltempo el 2018 i danni nel piccolo centro collinare jonico si concentrarono soprattutto in quell’area e la violenza delle piogge provocò una frana che trascinò con sé parte del muro di sostegno della piazza Santissimo Rosario, da allora rimasta chiusa al transito veicolare e pedonale. La strada sottostante, tra l’altro, rappresenta l’unica via di accesso al centro abitato ed è trafficata giorno e notte. Ciò rende l’idea dell’importanza dell’intervento che sta per essere pianificato per l’intero versante dissestato. Oltre che di contenimento, le opere da realizzare saranno di tipo idraulico: indispensabile, infatti, sarà assicurare un corretto drenaggio delle acque superficiali e di falda. I lavori, che saranno messi in gara non appena verrà acquisito il progetto esecutivo, oltre a restituire ai cittadini la piena fruibilità della piazza, metteranno al riparo da nuovi potenziali movimenti del terreno le abitazioni circostanti ma anche il vicino distributore di carburante. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.