Martedì 29 Settembre 2020
Riconoscimenti e contributo per aver superato le soglie del 65% e 50%


Raccolta differenziata, premiati dalla Regione 13 comuni jonici virtuosi nel 2019

di Redazione | 17/07/2020 | AMBIENTE

1957 Lettori unici

I sindaci alla consegna degli attestati

Sono tredici i comuni della zona jonica stati premiati ieri dalla Regione come enti locali virtuosi nella raccolta differenziata dei rifiuti effettuata nell’anno 2019, durante il quale hanno superato le percentuali del 65% e del 50%. La manifestazione si è svolta al teatro dell’Ente Fieristico “Le Ciminiere” di Catania nell’ambito della manifestazione “Ecomed Progetto Confort-Salone dell’ambiente”, organizzata dal Dipartimento regionale della Protezione civile in collaborazione con il Dipartimento Acqua e rifiuti, sotto l'egida della Presidenza della Regione. La cerimonia di consegna degli attestati è stata presieduta dall’assessore regionale all’Energia e ai Servizi di Pubblica utilità, Alberto Pierobon, affiancato dal dirigente generale della Protezione civile Salvo Cocina e dal neo dirigente generale del dipartimento Acqua e rifiuti, Calogero Foti. In totale sono stati premiati 243 comuni siciliani su un totale di 390: 133 per aver superato una percentuale di raccolta differenziata del 65%, altri 110 il 50% su un totale di 390 comuni dell'Isola. Nel 2017 la percentuale media regionale era intorno al 20% ed allora furono soltanto 23 i centri dell'Isola ad essere premiati perchè raggiunsero quota 65% di raccolta differenziata, mentre 51 enti locali si attestarono poco sopra il 50%. I numeri, dunque, sono più che triplicati. Per aver superato la soglie del 65% nel 2019 sono stati premiati i comuni di Santa Teresa di Riva con il 74,2% (settimo posto in provincia), Roccafiorita 73% (10°) Furci Siculo 71,5% (12°), Roccalumera 71,4% (13°), Antillo 70,6% (14°) e Itala 65% (23°); gli attestati per aver raggiunto il 50% di raccolta differenziata sono andati ai comuni di Taormina (63,5%), Limina (62,1%), Fiumedinisi (55,9%), Nizza di Sicilia (53,4%), Alì (53,1%), Alì Terme (52,9%) e Francavilla di Sicilia (50,3%). A ritirare i riconoscimenti sono stati sindaci o assessori, che hanno ringraziato i cittadini per i loro comportamenti virtuosi, che hanno consentito di raggiungere elevate performance. I comuni siciliani premiati dalla Regione si divideranno i cinque milioni di euro di budget stanziato: le somme arriveranno dunque anche ai 12 centri jonici.

“Siamo felici per i risultati raggiunti grazie al lavoro e agli sforzi di tutti – ha detto Alberto Pierobon – la situazione è assolutamente migliorata rispetto a quando sono arrivato nel 2018. Abbiamo queste percentuali di successo che vanno incrementate ulteriormente per superare il 65% previsto dalla Legge. Il problema - ha aggiunto - rimane il trattamento dell'umido, che ha avuto delle difficoltà anche a causa della chiusura di vari impianti per vari motivi, come sequestri giudiziari e altri problemi. Il Governo Musumeci sta però lavorando al fianco dei territori e lavorando per la realizzazione di tutta una serie di impianti pubblici per colmare il gap, tra cui alcuni dovrebbero aprire a breve, per consentire di raggiungere traguardi ancora più ambiziosi e garantire benefici per i cittadini. Lavorando insieme e facendo squadra siamo certi che ci riusciremo”. La manifestazione ha registrato il passaggio del testimone fra il dirigente generale uscente del dipartimento Rifiuti, Salvo Cocina e quello che si è insediato al suo posto, Calogero Foti. Entrambi si sono congratulati con i sindaci per l’importante lavoro svolto sul territorio, spronandoli ad un lavoro sempre più capillare ed efficace, assicurando loro il sostegno della Regione, che è avvenuto in questi anni e che proseguirà anche in futuro.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.