Venerdì 30 Ottobre 2020
Rocce, cascate e canyon nello scenario della Valle d'Agro, in provincia di Messina


Gole di Granciara, un gioiello siciliano tutto da scoprire - FOTO

di Filippo Brianni / Giuseppe Picciotto (foto) | 17/10/2014 | AMBIENTE

4367 Lettori unici | Commenti 1

Un patrimonio siciliano da scoprire e valorizzare incastonato nella Valle d'Agrò, in provincia di Messina. Le gole di Passo Granciara e le opere di archeologia idraulica esistenti sul torrente Agrò sono le nuove frontiere di valorizzazione su cui sembrano volere puntare comuni, aggregazioni e associazioni del territorio. Dopo i primi "lanci" da parte di Archeoclub d'Italia, molti anni fa, e la proposta di itinerari specifici da parte dell'Osservatorio dei beni culturali dell'Unione dei Comuni delle Valli Joniche dei Peloritani, anche il Parco Val d'Agrò, in fase di costituzione, sta valutando importanti ipotesi di promozione e valorizzazione di queste risorse. Il tavolo tecnico presieduto da Santino Mastroeni sta infatti riservando una corsia privilegiata all'individuazione di progetti in grado di esaltare gli aspetti naturalistici del comprensorio, di cui le gole di Passo Granciara o di S. Giorgio costituiscono l'elemento più importante e sottovalutato.
Si trovano nella parte alta del torrente e coinvolgono tre comuni: Antillo, da dove si dipartono, nella parte alta di contrada S. Giorgio; Limina, dove sono situate le cascate e le gole più suggestive; e Casalvecchio, dove l'acqua, lasciato il canyon, si adagia sulla pianura. Sono formate da rocce e cascate, alcune delle quali facilmente raggiungibili, altre con vertiginosi pareti a strapiombo, riservate più che altro ad escursionisti specializzati, che si incuneano tra rocce e boscaglia, racchiudendo in pochi chilometri numerosi contesti ambientali.
Il nome Granciara, deriva secondo un'interpretazione dalla presenza di aranceti, ma è molto più probabile che a dare il nome al luogo sia stata la presenza di una tipologia di insediamento basiliano che venivano definiti "granci". Lungo l'Agrò, dopo Passo Granciara, sono state realizzate varie opere di archeologia idraulica, principalmente mulini ad acqua e condotte, alcune delle quali sono ancora visibili e recuperabili, soprattutto nei pressi di Passo Murazzo e Porcheria. Insomma, un importante patrimonio da spendere sul piatto dell'offerta turistica.

Le foto di Giuseppe Picciotto

Se non vedi la gallery clicca qui

Get the flash player here: http://www.adobe.com/flashplayer

Più informazioni: gole granciara  


COMMENTI

Antonello Mantarro | il 17/10/2014 alle 10:32:38

Posto da favola. Con il gruppo di escursionismo LOW TREKKING ci siamo andati diverse volte e a breve ci ritorneremo. E' una delle tappe fisse del calendario e affermo tranquillamente che tra le tante mete che abbiamo raggiunto durante l'anno, probabilmente, questa è una delle più belle, anche di più delle ben più celebri Cascate del Catafurco sui Nebrodi visto che sono più percorribili e hanno una "storia" più interessante, come quella dell'acquedotto e dell'antica centrale elettrica. Consiglio la risalita delle Gole sia da sotto, verso la cascata, si da sopra la cascata. In questo secondo caso, risalendo il torrente, si arriva sino ad Antillo. Ci sono dei punti che richiedono un certo impegno ed è necessario andarci in determinati periodi dell'anno (dopo l'estate, sino a novembre e in primavera, sino a metà luglio) per godere della cascata nella sua massima portata e per evitare di trovare il torrente o troppo pieno o troppo asciutto.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.