Giovedì 01 Ottobre 2020
Il Governo recepisce una Direttiva Ue. Fondi destinati a interventi pubblici e privati


Efficienza energetica: alla Sicilia 43 milioni di euro

di Sikily News | 13/04/2014 | AMBIENTE

2184 Lettori unici

Impegno complessivo di 800 milioni di euro tra 2014 e 2020

Un impegno di 800 milioni di euro tra il 2014 e il 2020, per un set di nuove misure finalizzate a promuovere l’efficienza energetica nella pubblica amministrazione centrale, nell’edilizia pubblica e privata, nei processi produttivi, nei sistemi di produzione, trasmissione e distribuzione di energia e nel settore domestico su tutto il territorio nazionale. Su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, del Ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi, e del Ministro dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Gianluca Galletti, nel Consiglio dei Ministri dello scorso 4 aprile è stato approvato uno schema di decreto legislativo che recepisce la direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica (che modifica le direttive 2009/125/CE e 2010/30/UE e abroga le direttive 2004/8/CE e 2006/32/CE). 
Il provvedimento introduce nell’ordinamento nazionale misure innovative finalizzate a promuovere l’efficienza energetica nella pubblica amministrazione, nelle imprese e nelle famiglie, secondo gli obiettivi posti dall’Unione Europea di una riduzione dei consumi di energia primaria del 20% entro il 2020. 
Il target di riduzione dei consumi di energia al 2020, già fissato dalla Strategia energetica nazionale, è stato aggiornato con nuove misure, comprendenti interventi annuali di riqualificazione energetica sugli immobili della pubblica amministrazione; la previsione dell’obbligo per le grandi imprese e le imprese energivore di eseguire diagnosi di efficienza energetica; l’istituzione di un Fondo nazionale per l’efficienza energetica per la concessione di garanzie o l’erogazione di finanziamenti, al fine di favorire interventi di riqualificazione energetica della PA, l’efficienza energetica negli edifici residenziali e popolari e la riduzione dei consumi di energia nell’industria e nei servizi.

Il decreto prevede il finanziamento di interventi nelle Aziende Sanitarie Locali e nelle aziende ospedaliere, cinque delle quali siciliane a Catania, Agrigento, Enna e Siracusa per circa 23 milioni di euro; interventi nelle scuole, tre a Caltagirone, Siracusa e Rosolini, per 4 milioni e mezzo di euro. Interventi anche in tredici piccoli comuni siciliani, nelle provincie di Palermo, Messina, Agrigento e Ragusa per un totale di 16 milioni di euro.

“Consumare meno e meglio: un’economia più efficiente sotto il profilo energetico è la chiave di volta per rilanciare la crescita economica e favorire la creazione di nuovi posti di lavoro connessi alla diffusione di soluzioni tecnologiche innovative – ha commentato il ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi. Il Governo mette a disposizione quasi 800 milioni di euro dal 2014 al 2020 per promuovere l’efficienza energetica. Sono inoltre previste - conclude il Ministro - iniziative che mirano ad accrescere la consapevolezza dei consumi energetici tra le famiglie”.
“La sfida dell’efficienza energetica  – ha sottolineato il Ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti - può rappresentare un volano per la ripartenza del Paese, perché innescherà lavoro e quindi sviluppo sia nel pubblico che nel privato nell’ambito della Green Economy. Otterremo così, in prospettiva, un rilevante risparmio sia ambientale, in termini di minori emissioni di gas serra e polveri sottili, che economico grazie al minore consumo di energia. Se pensiamo che il consumo degli edifici pubblici è pari al 18% di quello generale dello Stato, si comprende come acquisisca assoluto rilievo già il solo obiettivo di ‘ambientalizzazione’ del nostro patrimonio pubblico immobiliare”.

“Si apre un varco per l’Italia e la Sicilia in particolare, a favore del bilancio energetico nazionale - ha annunciato il direttore generale della Direzione ricerca ambientale e sviluppo del ministero dell’Ambiente Corrado Clini, nel suo messaggio pervenuto al 6° Salone Nazionale “Progetto Comfort”, che si è svolto al Polo Etnafiere di Catania nei giorni scorsi. L’incontro, promosso da Apea di Catania (Agenzia provinciale per l’Energia e l’Ambiente) e da A2 Communication, è stato l’occasione per mettere a confronto punti di forza e debolezza dell’attuale tema normativo e burocratico in materia di efficienza energetica: cinquecento milioni di euro in un anno è la spesa della Pubblica Amministrazione regionale e degli enti locali, come Comuni con più di 10mila abitanti e Aziende sanitarie e ospedaliere, con una fascia predominante di consumo rappresentata dall’illuminazione e dalla climatizzazione. “Spetta al pubblico essere una best practice per il privato – ha affermato il prof. Rosario Lanzafame, ordinario di Sistemi per l’energia e l’ambiente Università Catania e presidente Apea Catania – cominciando da tribunali, ospedali, scuole, individuando gli sprechi e intervenendo per eliminarli. Una strada che grazie alle recenti misure di promozione dell’efficienza energetica citate da Clini, guiderà la Sicilia verso la giusta direzione”. Tra pubblico e privato, non mancano le criticità ma neanche le prospettive di sviluppo, come spiegato da Seby Costanzo (Ad Tecnoenergia Sud conc. Consip): “Una scarsa informazione, un’avversione al rischio sull’uso di tecniche d’avanguardia, una classe politica litigiosa sono fattori che oggi remano contro una possibile convergenza di intenti e di risultati. Serve puntare su partnership tra pubblico e privato e sulla corretta informazione degli utenti a vantaggio di una più radicata coscienza sociale". Hanno preso parte al convegno anche gli ingegneri Pier Francesco Scandura e Fabio Famoso.

Più informazioni: efficienza energetica  efficienza energetica in sicilia  

Articoli correlati

 

 

 

 

 

 

 

 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.